La Guardia di Finanza scopre una truffa dell’Enaip ai danni della Regione Siciliana

Ancora una volta gli enti di formazione diventano sinonimo di truffa. Dopo un’indagine durata 8 mesi la Guardia di Finanza ha sequestrato preventivamente 10 immobili per un valore catastale di 400.000,00 euro e 60 mila euro in contanti, a fronte di una truffa di 500 mila euro perpetrata ai danni della Regione, negli anni 2007, 2010 e 2011. Sono sei, per ora, ad esser stati iscritti nel registro degli indagati: il presidente dell’Enaip, due insegnanti e del personale della segreteria. 

La vicenda, per così dire, è sempre la stessa. L’ente di formazione avvia dei corsi per cui beneficia di ingenti stanziamenti regionali, statali o europei. Molte volte, però, questi sono dei corsi fantasma oppure vengono conclusi prima della scadenza naturale o ancora vengono avviati nonostante non si è raggiunto il numero minimo di partecipanti. La truffa messa su da quest’ente, come dai tanti altri, consta semplicemente nella produzione di documenti e di attestazioni false, come ad esempio la falsificazione delle firme dei corsisti. Nel caso specifico, le fiamme gialle hanno scoperto addirittura che alcune persone erano state iscritte a loro insaputa ad uno o a più corsi.

Il sequestro dei beni mobili ed immobili è del tipo equivalente, come spiega il colonnello Cavalli. Questo tipo di sequestro viene attuato nel caso in sui l’Ente non possiede l’intera somma truffata, così l’autorità giudiziaria si rivale sul patrimonio degli indagati.

Se l’intera operazione ha permesso di recuperare i 500 mila euro truffati e di bloccare l’eventuale stanziamento di altre somme per il 2015, ha immancabilmente congelato tutti i pagamenti dei salari dei dipendenti dell’Ente stesso, stipendi che potranno essere erogati solo a conclusione del processo.

La truffa ha riguardato vari corsi e nello specifico progetti finalizzati alla formazione di: addetti ai servizi familiari, operatori assistenza agli immigrati, aiuto scenografo, pizzaioli e corsi di inglese e produzione multimediale.

di Rosario Distefano30 Dic 2014 12:12

Privacy Preference Center