Aiello: “Attentati e incendi sono sintomi di condizioni perniciose”

“Ora abbiamo bisogno di capire – dichiara Francesco Aiello, presidente di Azione Democratica – La narrazione manca. Troppo silenzio sulle condizioni che possono generare criminalità.

Sarà opportuno cominciare a fare qualche domanda in più e a bloccare il proliferare degli affidamenti di opere pubbliche camuffate, senza gare e senza ribassi d’asta. Col falso documentale del Piano triennale Opere Pubbliche che ha escluso negli ultimi quattro anni opere per 4 milioni di euro circa affidati senza gara. Quasi sempre alla stessa impresa. Pensate che i criminali siano stupidi? La mancanza di trasparenza genera mostri.

Gli inquirenti da questo dovrebbero iniziare a indagare per scoprire la strana matassa che rischia di esplodere malamente. Non solo a Vittoria. Perché non è una vicenda solo vittoriese. E bloccare la cordata del fotovoltaico. Subito. Non c’è più un minuto da perdere. I segnali sono gravi e pericolosi. Parlare e fare domande – conclude Aiello –  rovina la tranquillità. Ma dobbiamo farlo. Diversamente meglio dedicarsi ai fiori di campo. Che rimane comunque una cosa seria”.

di Redazione30 Giu 2014 19:06