Cna Vittoria: “La criminalità si fortifica nella crisi economica”

“Esprimiamo tutta la nostra vicinanza e solidarietà all’impresa Gama che ha subito il vile attentato intimidatorio dell’altra notte”. Lo dicono il presidente della Cna territoriale di Vittoria, Giuseppe Santocono, e il responsabile organizzativo, Giorgio Stracquadanio, i quali precisano: “Aggiungersi, però, al coro di chi esprime solidarietà non basta. Lo abbiamo detto più volte e lo ribadiamo ancora: le difficoltà economiche che gravano sulla nostra città rischiano di far diventare la criminalità organizzata padrona della crisi. Giornali e televisioni parlano di questa terra non più per la sua capacità economica, non per la voglia di volersi riscattare per uscire dalla crisi, ma solo per la sua forza criminale. Politica lontana anni luce dalle realtà produttive, banche che non erogano più credito e chiedono con tutti i mezzi di rientrare, adesso anche la ripresa del racket; un cocktail sconvolgente che rischia di narcotizzare in modo definitivo la nostra economia. Ma la classe dirigente di questa terra come si vede? Ci basta essere (o sentirci) persone oneste per non avvertire che anche noi siamo colpevoli? Questa condizione ci rende tranquilli? Ci viene il dubbio che non riusciamo più a pensarci in modo diverso da come oramai siamo. Ci siamo, piano piano, rassegnati a questa condizione. Ma si rassegna solo chi non ha bisogno di fare altrimenti. La filosofia della rassegnazione fa vincere le forze del sottosviluppo. Bisogna uscire al più presto da questa condizione, prima che sia troppo tardi”.

di Redazione30 Giu 2014 18:06