Non Voglio! Non Mollo: Il Crocetta pensiero sul PD.

crocetta_megafono_NLa storia è difficile da comprendere. Crocetta è partito lancia in resta per scalare il PD. Ma da quelle parti tira aria pesante.  I dinosauri della direzione centrale sono abituati a questi attacchi e rispondono con le stesse armi. E allora il presidente si mette a fare quello che sembra gli riesca meglio: esternazioni di altissimo livello con strani  significati politico-amministrativo ed elettorale.  Ecco il suo pensiero di oggi: “Non possiamo accettare l’idea che un grande Partito Democratico chiuda le porte al cambiamento e al rinnovamento. Lo svolgimento del congresso regionale del Pd, sulla base del vecchio tesseramento, cristallizzerebbe i giochi di sempre e impedirebbe l’elezione di nuovi quadri giovani alla leadership del partito e soprattutto determinerebbe il gruppo dirigente formato da coloro che oggi magari potrebbero far finta di auto sospendersi dal partito ma che di fatto lo controllano. Il Pd nazionale deve rendersi conto dell’anomalia siciliana. Se da iscritto del Pd, contrariamente a quanto concordato fin dall’inizio col Pd regionale, io non potessi fare parte del gruppo che porta il mio nome nella lista, sarebbe un gioco autoritario e antidemocratico e persino sleale in contrasto a quanto precedentemente convenuto. E la smettano con la farsa del mancato contributo, potrei presentare la lista dei debiti elettorali rimasti sul mio groppone ma non lo faccio, non ho nessun legame coi soldi, verserò quel contributo per impedire azioni staliniste, che hanno sempre utilizzato per far fuori i dissidenti”. Continua il presidente : “In quanto iscritto alla lista Crocetta dovrei versare contributo a quella lista, ma di questo non ce ne facciamo un cruccio, verserò contributo anche a loro entro 24 ore. Non ho dato mai alcuna importanza ai soldi anche se devo dire che tale richiesta non era mai stata fatta nella mia adesione concordata col partito al gruppo del Megafono, facendo notare che sicuramente non sarà questa la ragione di censura nei miei confronti. Ma del resto nessuno può impedire al Megafono di organizzarsi, di fare la propria battaglia, di contribuire al rinnovamento della vita politica siciliana. Il Partito Democratico deve decidere se tale battaglia si può fare al proprio interno o se il Megafono deve diventare una forza politica autonoma. Decida Epifani, ma il Megafono non molla, non tace e sopratutto non si delegittima il rappresentante del popolo siciliano, eletto dai siciliani. Non consentirò a nessuno di umiliare la Sicilia e i colori della sua bandiera. Ancora una volta la Sicilia risulta incomprensibile a Roma e ancora una volta si continuano a fare gli errori di sempre. Non mi piegherò”.  Ora interveniamo noi della redazione: Insomma la Sicilia continua ad essere incompresa.  C’è il rischio però che nessuno riesca a comprendere la Sicilia neanche quelli che la amministrano.Andiamo avanti a colpi di scena e mentre aspettiamo che si risolva qualcosa assistiamo a strategie e progetti che ingessano tutto. Forse è il caso di dire basta alla politica e dare il via alla amministrazione vera? Che ne pensate?

di Direttore24 Lug 2013 13:07

Privacy Preference Center