Si spera in una “estate sicura”

>

In nuovo prefetto sembra intenzionato a dare maggiore slancio al controllo del territorio. Richiesta in verità pervenuta dai sindaci della provincia preoccupati da alcuni fenomeni che sembrano aumentare. Forse a causa delle restrizioni durate troppo a lungo si sono verificati episodi di intolleranza mettendo uno contro l’altro gruppi di giovani di diversa provenienza. Sono quindi stati predisposti dalla prefettura controlli straordinari interforze in tutti i comuni della provincia per tutta la stagione estiva, con la finalità di garantire ai cittadini ed ai turisti che presto si riverseranno sul nostro territorio, un’estate all’insegna della legalità. Su precisa richiesta analoghi servizi interforze hanno interessato il territorio di Comiso, sin dalla giornata del 18 giugno scorso, dove le pattuglie del locale Commissariato, della Guardia di Finanza e della Polizia Locale hanno effettuato numerosi controlli, presso le zone più a rischio di assembramenti fra giovani ragazzi, per prevenire il fenomeno delle risse, ovvero presso la villa Comunale, piazza Fonte Diana, Parco dell’Ippari, nonché per contrastare il bivacco da parte di soggetti del luogo e di cittadini stranieri nei pressi dei sagrati delle chiese Maria Santissima Annunziata e chiesa Madre Santa Maria delle Stelle. I predetti controlli sono stati estesi anche nella frazione di Pedalino.
In occasione dei citati servizi, lo scorso venerdì personale del Commissariato di
Pubblica Sicurezza di Comiso è intervenuto nei pressi di Piazza Fonte Diana dove era stato segnalato un soggetto in escandescenze che stava danneggiando un’autovettura parcheggiata. L’uomo, uno straniero di 38 anni noto alle Forze dell’Ordine, immediatamente identificato dagli Agenti, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria e dovrà rispondere del reato di danneggiamento.
Complessivamente sono state controllate 709 persone e 227 autoveicoli. Sono stati
altresì controllati n. 77 esercizi pubblici, con la finalità di prevenire e contrastare l’abuso di sostanze alcoliche, spesso causa di comportamenti illegali e reati che possono turbare la sicurezza pubblica e la tranquillità dei cittadini.

di Redazione22 Giu 2021 09:06