Emergenza stalle

>

Ha avuto luogo a Palermo l’incontro chiesto dal Distretto Produttivo Siciliano Lattiero Caseario con
l’assessore Tony Scilla ed il Dirigente Generale Dario Cartabellotta sul prezzo del latte vaccino al quale
hanno partecipato, oltre al presidente Enzo Cavallo ed ai vicepresidenti del Diprosilac Salvatore Cascone
e Sebastiano Tosto, diverse delle organizzazioni agricole e della cooperazione, le cooperative Progetto
Natura, Latterie Ragusane e Monti Iblei ed una rappresentanza dell’industria Zappala’.
Presenti anche i deputati Regionali Giorgio Assenza e Nello Dipasquale.
La riunione, dopo l’introduzione dell’assessore e l’intervento del presidente del Distretto che ha illustrato
il documento approvato lo scorso 21 settembre, è stata caratterizzata da un ampio dibattito sulla crisi degli
allevatori costretti, ormai da tempo, a produrre in perdita per il continuo aumento dei costi di produzione
(mangimi, energia elettrica, gasolio,ecc) e per la non remuneratività del prezzo del latte. E’ stata quindi
dedicata all’esame del protocollo sul prezzo del latte sottoscritto a livello nazionale lo scorso 9 novembre,
per la cui applicazione in Sicilia è stata sollecitata ed assicurata la piena collaborazione del Governo
Regionale. Un protocollo che sancisce il riconoscimento agli allevatori di un aumento per “emergenza
stalle” di 4 centesimi del prezzo di un litro di latte consegnato, fino al raggiungimento di un massimo di
41 centesimi. Un aumento a carico della grande distribuzione, per 3 centesimi, erogato tramite gli
industriali che si accollerebbero un altro centesimo. Da parte di tutti è stata ribadita la precarietà
determinata dalla scadenza del protocollo al prossimo mese di marzo e l’assoluta necessità di dover
indicizzare, in ogni caso, il prezzo del latte e dei prodotti agricoli e zootecnici all’andamento dei costi di
produzione.
L’assessore si è impegnato ad intervenire nei confronti della grande distribuzione per sollecitare la
sottoscrizione e l’applicazione del protocollo e si è impegnato altresì di sollecitare i necessari chiarimenti,
tenuto conto della farraginosità della intesa, al Ministro Stefano Putuanelli, per la sua chiara e semplice
applicazione.
L’assessore Scilla ed il dirigente generale Cartabellotta si sono impegnati infine a pubblicare entro l’anno
un bando per una serie di interventi a favore dei soggetti della filiera che avranno sottoscritto il protocollo
ed avranno concretamente corrisposto la maggiorazione del prezzo ed assicurato i richiesti requisiti
qualitativi.
L’incontro è stato un primo passo di grande importanza ai fini dell’attuazione del protocollo nazionale e
per sollecitare la definizione della misura sul benessere animali, la definitiva introduzione del marchio QS
per favorire la rintracciabilità del latte, dei latticini e dei formaggi e per arrivare al monitoraggio del latte
prodotto e trasformato in Sicilia.
La riunione è stata aggiornata al 29 novembre per fare il punto sulle risultanze dei contatti che nel
frattempo saranno presi da parte dell’assessorato per la piena attuazione del protocollo “emergenza
stalle”.

di Direttore17 Nov 2021 23:11