Rapina e sequestro di persona nel giugno 2015: arrestato ragusano

Imprese degne di un film di Tarantino quelle di Giuseppe Seminara, 60 anni, di Ragusa, che risalgono alla notte del 9 giugno 2015, quando l’uomo, aiutato da alcuni complici, si intrufolò in una casa di Marina di Ragusa e tenne sotto scacco due anziane, una donna disabile e una badante di origini romene.

La cronaca di quella notte di giugno. Dopo aver fatto breccia in casa, i rapinatori cominciarono a malmenare e minacciare le quattro donne, affinché rivelassero dove fossero custoditi l’oro e i gioielli. I banditi picchiarono anche la badante rumena, e dopo aver rovistavano in tutta la casa mettendola letteralmente a soqquadro, riuscirono a trovare i preziosi e il denaro: carichi di gioielli per un valore di oltre 15.000 euro, denaro contante per € 1.600,00 e una carta bancomat, i manigoldi riuscirono a dileguarsi.

Cominciarono allora le indagini che hanno portato all’arresto odierno di Giuseppe Seminara: la prima vera pista lasciata dai rapinatori fu un’operazione ad uno sportello bancomat, avvenuta circa un’ora dopo l’accaduto (dal quale i banditi avevano prelevato 500 euro). Da allora il cerchio si è stretto sempre più intorno al sessantenne residente a Ragusa.

di Carmelo Dipasquale17 Mag 2016 12:05