Lo squallore del mercatino di viale del Fante, immondizia e paccottiglie varie

Dovrebbe essere un mercatino dell’antiquariato, non lo è, a patto che non si consideri antiquariato la vendita di oggetti vecchi e privi di qualsiasi valore storico, economico ed artistico. Ma poco importa, tralasciamo questo aspetto, ciò che vi vogliamo raccontare è l’inciviltà di questi venditori ambulanti.

Basta farsi una passeggiata in viale del Fante e guardare al di là del muretto, che delimita l’area “verde” dal marciapiede, per accorgersi, in che stato versa quel fazzoletto di terra, pieno zeppo di fogli di giornale appallottolati, così come si fa per trasportare oggetti fragili, ma non solo, infatti fanno bella mostra di sé cocci di piatti, bicchieri, teiere, ma anche buste, bottiglie d’acqua vuote e tanti, tantissimi, bicchieri da caffè, oltre ai tanti oggettini dalla dubbia provenienza.

Adesso, è mai possibile che questi ambulanti non riescono a lasciare in ordine quella zona? Perché si sbarazzano con tanta nonchalance dei giornali, usati per imballare la loro merce, e degli oggetti non più vendibili, buttandoli dietro il muretto/panchina? Ed infine, come mai i nostri operatori ecologici, alias la ditta Busso, non si premura di pulire quegli spazi?

Detto ciò, rivolgiamo un appello all’Amministrazione, nella speranza che punti qualcosina in più su questi mercatini, non sarebbe male, infatti, se a Ragusa nascesse un vero mercatino dell’antiquariato.

3

di Rosario Distefano12 Gen 2016 12:01