AUTOSTRADA ROSOLINI-MODICA: S.E. IL PREFETTO CONVOCHI IL C.A.S. A RAGUSA!

Se la Regione ed il Consorzio per le Autostrade (?) Siciliane non sono in grado di gestire un opera della portata dell’Autostrada Rosolini-Modica che intervenga il Governo nazionale ed invii un Commissario!
Oggi, 3.11.2015, si sono incontrati i vertici della COSIGE Scarl (ATI Condotte d’Acqua SpA e Cosedil SpA) aggiudicataria dell’appalto per la realizzazione dell’Autostrada Rosolini-Modica, i sindacati della provincia di Ragusa (Fillea-CIGL, Filca-CISL, Feneal-UIL) e la presidenza di ANCE Ragusa, per fare il punto della situazione economico-finanziaria della commessa alla luce del fatto che nonostante il CAS si era impegnato a saldare, entro il 31.10.2015, i due SAL scaduti ma che ne ha potuto onorare solo una parte e, quindi, programmare le azioni conseguenti a tale stato di effettiva difficoltà per il proseguimento lineare dei lavori.
Ricordiamo che l’opera è finanziata da due linee di finanziamento, Statali (ANAS, ex L.433/91 e L.295/98) e Comunitari (ex PO FESR 2007/2013) per un ammontare complessivo aggiudicato di circa 260 milioni di Euro e che, ad oggi, la COSIGE ha superato i 40 milioni di costi industriali ed ha fatturato al CAS lavori per 28 milioni incassandone solo 4,2 e confidando nell’impegno dello stesso CAS a pagarne altrettanti a breve con proprie risorse!
Ciò perché la Regione ed il CAS non hanno attivato i corretti “flussi” finanziari e così, sempre ad oggi, la Regione ha versato “virtualmente” su un conto dedicato (…ma non realmente, cash!) le somme al CAS il quale, però “realmente” dovrebbe saldare i SAL scaduti ma non può!
ANCE e OOSS, a questo punto, non ritenendo il CAS e la Regione in grado di gestire con adeguatezza sotto il profilo economico-finanziario questa impegnativa opera, chiedono al governo nazionale di revocare a queste due amministrazioni la responsabilità della realizzazione dell’importante lotto della Siracusa-Gela e di inviare un commissario per la corretta conduzione dell’appalto!
Infine, preso atto dell’incontro che si terrà fra la COSIGE e S.E. il Prefetto di Ragusa, il 6 p.v., intendono avanzare la richiesta di convocazione urgente dei vertici del CAS a Ragusa, per fare definitiva chiarezza sull’indisponente rimpallo di responsabilità per il mancato accredito reale delle somme.
Le Parti restano vigili e in costante allerta e non escludono varie forme di manifestazione o presidi permanenti presso la sede del CAS o le autostrade dallo stesso consorzio gestite.”

di Redazione04 Nov 2015 17:11