Basket f: le aquile a Battipaglia

passbattMentre sta quasi per finire l’attesa per Rebekkah Brunson, dalla prossima settimana finalmente a Ragusa scortata dalla prestigiosa “ciliegina” dell’appena conquistato titolo nella Wnba, la Passalacqua prova a mettere in pratica il credo di coach Nino Molino, che vuole avere in cassaforte più punti possibili prima di completare il roster con l’arrivo della neocampionessa statunitense. Dopo il viaggio a Napoli per la “trasferta collettiva” dell’Opening Day, le biancoverdi ritornano in Campania per affrontare la Convergenze Battipaglia (ore 18, arbitri Claudio Di Toro di Perugia, Valentina Nioi di Assemini e Marco Catani di Pescara): squadra di riconosciuta, notevole caratura, resa più temibile dall’essere ancora a zero punti e, come inevitabile corollario, molto “affamata”. Il quintetto di Massimo Riga, animato da grande carica agonistica, rapido nelle conclusioni a canestro e sostenuto da un foltissimo gruppo di tifosi che riempiono il palazzetto e lo rendono particolarmente “caldo”, è impostato su tre straniere di sicuro spessore (Zanoguera, premiata come miglior giocatrice nel trofeo Passalacqua, Treffers e Gray) supportate da italiane di talento, tra le quali spiccano le giovani Bonasia e Tagliamento. Rappresenta quindi il classico avversario molto tosto, in particolare quando gioca allo “Zauli”, come abbondantemente dimostrato dallo scorso campionato: di conseguenza le aquile sono attese dall’altrettanto classica sfida difficile. Ma nell’ambiente e tra i tifosi della Passalacqua la fiducia è comunque tanta: motivata dalla certezza di disporre di tutto il potenziale necessario per venirne fuori bene. Anche se, cominciando dall’ex Monique Ngo Ndjock, sempre meglio integrata nel gruppo biancoverde, tutti sanno benissimo che avranno da lottare, e tanto, per portare a casa due punti preziosissimi.

di Lina Giarratana18 Ott 2015 10:10