Archeologia, letteratura, arte, teatro, storia al Museo di Camarina

La Direzione del Museo di Camarina, il Comune di Vittoria, l’Archeoclub di Ragusa e l’Equipe didattica del Museo camarinese, hanno reso noto il programma estivo delle attività che dal 21 luglio fino a settembre caratterizzeranno la vita culturale del Museo con proposte di alto profilo: circa venti appuntamenti di grande prestigio, che saranno gli attrattori aggiuntivi al patrimonio archeologico del Museo.
L’Archeologia sarà protagonista con una grande mostra sui Longobardi (dal 18 settembre), un convegno sul sarcofago da Copenaghen (il 10 settembre), una visita guidata alla mostra NAUFRAGI il 24 luglio e con due iniziative sensazionali, in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche: il Museo si trasforma in multimediale, dal 26 luglio, e guarda ai grandi fatti internazionali che riguardano il patrimonio antico dell’Iraq.
Ma al Museo ci sarà tanta cultura, letteratura, storia, teatro: saranno presentati volumi di letteratura popolare (Rusina la mia vita, il 21 luglio; la poesia di Giorgio Burrafato, il 27 agosto), di poesie (Elegia del frammento, il 24 agosto) e saggi (Una bella storia, il 18 agosto). Ci sarà pure spazio per il recente volume del cantautore Adamo (La notte … L’attesa, a settembre).In programma anche due incontri con le produzioni di Andrea Cammilleri (il 13 agosto), Gesualdo Bufalino (il 31 luglio), Lucio Mandarà (l’11 agosto), Giuseppe Leone e la grande letteratura di viaggio (il 30 agosto). Non mancherà la storia locale con la vita e la morte nelle miniere di Tabuna (il 4 agosto) e la grande arte contemporanea di Piero Guccione e il gruppo di Scicli (il 2 agosto).
Previsto anche uno spettacolo di mimi dell’Ente Nazionale Sordi a chiusura del Disabil Festival.
Al Museo sarà protagonista anche la ricerca sulla musica popolare con performance il 21 luglio e il 7 agosto, seguita dal ricordo dei mitici Pink Floyd a cura di Amedeo Fusco (l’8 agosto).
Approda a Camarina anche il grande teatro con il tema del mare e i naufragi (il 26 agosto) a cura della compagnia Godot e con una Lisistrata che parla siciliano (il 7 settembre).
In calendario anche quest’anno, dal 20 al 23, il VideoLab Film Festival sui cortometraggi d’autore, e un documentario sull’antica Roma in 3 D.
Di rilievo nazionale i nomi dei personaggi coinvolti nelle serate camarinesi; grandi personaggi della cultura e del mondo accademico: Salvatore, Silvano Nigro (Università di Catania), Gaetano Bonetta (Università di Chieti), Massimo Cultraro (CNR di Catania), Alberto Machi (CNR di Palermo), Jan Jacobsen (Ny Carlsberg Glyptotek di Copenaghen), Giuseppe Roma (Università della Calabria) critici letterari, artistici (Elisa Mandarà, Carmelo Mezzasalma), giornalisti (Guglielmo Troina, Carmelo Arezzo, Saro Distefano).
A Gianni Battaglia, regista di tante serate a Camarina, si debbono due appuntamenti eccezionali sul Lucio Mandarà (l’11 agosto) e su Giorgio Burrafato.
“Questo è il programma culturale ed artistico più intenso che abbia mai proposto il nostro Museo – ha detto Giovanni Distefano, Direttore del Museo di Camarina – e che nessun museo siciliano o italiano ha mai elaborato. Camarina sarà la regina culturale dell’estate 2015”.

di Redazione10 Lug 2015 16:07