Comiso. Avviati gli interventi di bonifica dall’amianto nelle scuole

Sono stati avviati gli interventi di rimozione e smaltimento dei manufatti contenenti amianto sia presso le scuole comunali sia in alcune piccole discariche abusive.
Ne danno notizia gli assessori Fabio Fianchino con delega alle Manutenzioni scolastiche e Vittorio Ragusa con delega all’Ambiente.
Le scuole interessate dai lavori di rimozione degli elementi contenenti amianto sono le primarie Saliceto, Monserrato e Pedalino, dell’infanzia Santa Maria Goretti e Senia e le scuole medie Verga e Pirandello.
“Continua l’impegno di questa Amministrazione nel settore scolastico e nella tutela dei nostri ragazzi. Questo corposo intervento di bonifica, frutto di una forte sinergia tra l’assessorato alle Manutenzioni scolastiche e quello all’Ambiente, consiste nel rimuovere i vecchi serbatoi idrici, per la verità non più in uso, ma ancora presenti negli edifici scolastici – ha spiegato l’assessore Fianchino -. Presenti ormai da numerosi anni, ci sono pervenute diverse segnalazioni da parte dei dirigenti scolastici affinchè si procedesse alla rimozione di questi manufatti. Abbiamo esperito un accurato sopralluogo presso tutte le scuole e abbiamo ritenuto opportuno procedere alla rimozione di detti manufatti da tutte esse e non soltanto da quelle dalle quali ci erano pervenute le segnalazioni. Questi interventi sono già in atto ma, per non interferire con le attività didattiche, sono posti in essere quando è assente la popolazione scolastica. Contiamo di completare la rimozione dei serbatoi contenenti amianto nel giro di alcuni giorni. Il passaggio alla fase operativa di questo corposo intervento è stato possibile grazie al lavoro svolto dal capo settore all’Ambiente Rita Battaglia che ha curato il complesso iter burocratico”.
Nel contesto di questo progetto si sta procedendo alla bonifica da eternit di alcune discariche abusive.
“Purtroppo, dobbiamo constatare che il triste fenomeno delle discariche abusive non è scomparso del tutto anche se è diminuito il loro numero – ha dichiarato l’assessore Ragusa -. Fenomeno aggravato dall’abbandono anche di rifiuti solidi contenenti amianto. Abbiamo pertanto ritenuto necessario procedere con urgenza alla bonifica da eternit di queste piccole discariche che comunque rappresentano un pericolo per la salute pubblica e comportano inquinamento ambientale. In particolare, dalla zona Pip stiamo rimuovendo due serbatoi idrici, dalla riserva Pino d’Aleppo di nostra competenza lastre rette per copertura in amianto per circa 25 metri quadri, altri cinque serbatoi sono stati individuati in contrada Cozzo Re, nel tratto di strada individuato come Passo Ippari-Comuni-Martorina e in contrada Cascalana dove insiste una discarica abusiva nell’area limitrofa all’ingresso lato americano dell’ex base Nato”.
“Abbiamo avviato un’operazione massiccia di bonifica dall’amianto sia nelle scuole sia nel territorio sicuramente non più procrastinabile – ha commentato il sindaco Filippo Spataro – in perfetta collaborazione con l’Asp Ragusa che ha approvato il piano di lavoro. Nel volgere di pochi giorni questi interventi saranno completati e rimossi i potenziali pericoli da questi luoghi, soprattutto dalle scuole frequentate quotidianamente da centinaia di piccoli e adulti”.

di Redazione28 Mag 2015 16:05