Indagini al comune di Vittoria. Interviene Dipasquale.

< class="t-entry-title title-giornale-before h3">>

Si è parlato in queste ore di una contestazione della Regione verso il Comune di Vittoria colpevole, si dice nel documento ufficiale, di aver commesso gravi inadempienze  soprattutto nell’ambito degli incarichi che sarebbero stati dati dal sindaco ad personaggi della politica tra i quali ance l’on Dipasquale.  In merito ci giunge una comunicazione dallo stesso onorevole che  ha presentato un’interrogazione parlamentare all’Assessorato regionale agli Enti Locali e, per conoscenza, ai Prefetti di Ragusa e Palermo, al Consiglio comunale di Vittoria, alla Procura, alla Procura regionale della Corte dei Conti, in merito all’accertamento ispettivo presso il Comune di Vittoria con particolare riferimento all’incarico di consulenza conferitogli a titolo gratuito dal Sindaco.  In merito Nello Dipasquale ha dichiarato:
“Ho chiesto che l’assessore venga in aula a riferire sull attività ispettiva condotta, atteso che le contestazioni eccepite appaiono  prive di fondamento sia da un punto di vista giuridico-amministrativo (i riferimenti normativi non attengono alla tipologia di incarico in oggetto) che contabile, essendo il mio incarico interamente gratuito e senza alcun tipo di rimborso spese. Tengo altresi  a precisare che, preliminarmente alla stipula della convenzione, ho chiesto chiarimenti su eventuali profili di illegittimità ed annesse  incompatibilità al Dipartimento Regionale Autonomie Locali e al Segretario dell’Assemblea Regionale Siciliana. Entrambi non hanno espresso perplessità alcuna sulla questione. Soprattutto per via del fatto che, lo ribadisco, l’incarico di consulenza è a titolo interamente gratuito e senza alcun rimborso spese.
L’ occasione mi porta a stigmatizzare l’operato  del l’Ufficio Ispettivo  che senza avere compiuto una istruttoria completa di tutte  le necessarie verifiche documentali sull’iter amministrativo, sui compensi percepiti, avrebbe contestato al Comune di non aver assunto un regolare impegno di spesa per il provvedimento di nomina, di fatto non necessario  per la totale gratuità dello stesso. Se non vi è alcun onere per il Comune, quale impegno di spesa dovrebbe essere adsunto? L ‘attività ispettiva resta per me fondamentale ed imprescindibile, ma richiede massima severità di giuduzio ed attenzione, deve servire da supporto agli uffici nel porre correttivi se necessari al regolare iter amministrativo. Una sana e scrupolosa attività ispettiva può solo essere di supporto agli enti tutti per garantire la regolarità degli atti ed evitare spreco di denaro pubblico. Mi auguro che le risorse pubbliche siano sempre utilizzate al meglio anche negli enti regionali che erogano servizi nei vari territori in rappresentanza della Regione, sui quali colgo l occasione per richiamare l’attenzione dell’Assessore alle Infrastrutture cui compete la vigilanza”.

di Redazione15 Mar 2023 22:03