Per non dimenticare gli eroi modicani.

>

Ci arriva un comunicato stampa da Modica che abbiamo subito considerato importante perchè mostra un grande amore per la propria patria e la voglia di fare luce su pagine di storia che per motivi comprensibilissimi non sono esaurienti. In occasione delle celebrazioni del 4 novembre – giorno in cui quest’anno ricade anche il centenario della deposizione del Milite Ignoto all’Altare della Patria – alla Biblioteca comunale Salvatore Quasimodo si è svolta una breve cerimonia con cui Fabrizio Corso, studioso
modicano di storia della Grande Guerra e socio delle associazioni storiche Cime e trincee di Venezia e Carso e trincee di Trieste, ha voluto donare alla Città il suo lavoro di ricerca riguardante l’Albo d’Oro dei Caduti modicani della Prima Guerra Mondiale. Lo scopo della ricerca di Fabrizio Corso è stato quello di fornire alla comunità un elenco completo, e consultabile da tutti, dei Caduti modicani della guerra del 1915-1918, dato che il Monumento che li ricorda, in  Piazza Principe di Napoli, è l’unico della provincia a non riportarne i nomi. In realtà – spiega
Corso – nel 1923 a Modica venne pubblicato un “Libro d’Oro”, ma per via dei limitati documenti disponibili e consultabili all’epoca, risulta incompleto e non scevro di errori. Infatti  in esso sono riportati 653 nominativi, mentre in realtà i Caduti nati a Modica ammontano a ben
810, con una differenza di 157 unità. La ricerca è stata condotta in collaborazione con l’ISTORECO (Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea) di Reggio Emilia e con l’Associazione Storica Cimeetrincee di Venezia, ed è stata effettuata mediante la
meticolosa consultazione dei documenti riguardanti i Caduti (atti di morte, atti di nascita, fogli  matricolari, registri dei sacrari e dei cimiteri militari, ecc…). Da essa sono emersi i seguenti  principali dati esemplificativi. 13 degli 810 Caduti modicani non sono stati riportati sui volumi
dell’Albo d’Oro nazionale. Per 359 Caduti è stato possibile trovare l’odierna sepoltura nei grandi sacrari e nei cimiteri militari in Italia e all’estero, ma ben 136 di esse hanno il cognome o altri dati riportati in modo errato sulla lapide o sulla croce; un fenomeno purtroppo
conosciuto e che probabilmente, in passato, ha impedito ai familiari di ritrovare la sepoltura del proprio caro. Per esempio nel Sacrario di Redipuglia due soldati modicani di cognome Iemmolo sono riportati come “Femmolo”; oppure il caso eclatante dei due fratelli Macauda,
Giuseppe e Vincenzo: uno nel Sacrario di Fagarè della Battaglia riportato come “Macanda” e l’altro nel Sacrario di Asiago riportato come “Maganta”.Corso ha inoltre potuto accertare che, per via della Grande Guerra, ben 37 coppie di fratelli modicani non tornarono più dai loro
genitori e anche che una famiglia modicana perse 3 figli (i fratelli Antonino, Carmelo e Vincenzo Modica). Per quanto riguarda le onorificenze, Modica ebbe 32 Caduti decorati al Valore Militare. Queste e altre informazioni disponibili per ogni Caduto sono da oggi consultabili presso la Biblioteca comunale: una donazione simbolica ad un luogo simbolico -aggiunge Fabrizio Corso – che già ospita, sul marciapiede antistante l’ingresso, le Pietre d’inciampo dedicate ai modicani deportati durante la Seconda Guerra Mondiale e che
rappresenta il “centro della memoria” della città. Infine Corso ha annunciato la pubblicazione del sito internet www.cadutimodicani.it, che contiene l’intero Albo d’Oro, con la possibilità di filtrare i dati per facilitare le ricerche di studiosi e appassionati. Desideriamo ringraziare il dott. Corso – hanno dichiarato il Sindaco Ignazio Abbate e l’Assessore Maria Monisteri – per l’enorme lavoro ma soprattutto per la passione e l’impegno che ha profuso nel ricercare in modo certosino i nomi dei modicani caduti in guerra. Grazie a questa ricerca e alla costituzione
dell’albo d’oro che ha voluto donare alla città, e ora possibile conoscere e rendere onore a tutti coloro che hanno combattuto per l’Italia.

di Direttore05 Nov 2021 15:11