Gli interessi delle imprese nel territorio sono stati traditi

>

La situazione venutasi a determinare nell’ambito del sistema siciliano delle Camere di
Commercio, è stata presa in esame dal Consiglio Direttivo dell’associazione Confronto, aperto
alla partecipazione di diversi operatori economici dell’area iblea. Le prevedibili penalizzazioni
scaturite dall’accorpamento delle Camere di Commercio di Ragusa e di Siracusa a quella di
Catania, sono destinate ad accentuarsi a seguito della entrata in vigore della norma che
annulla la istituzione della super camera del Sud Sicilia e sancisce l’accorpamento degli enti
camerali di Ragusa e di Siracusa alla Camera di Commercio di Trapani insieme ad Agrigento e
Caltanissetta. Una decisione paradossale da rivedere e per la quale il Governo Regionale è
deciso ad intervenire. Il direttivo di “Confronto” in una lettera alle autorità esprime la propria opinione
“Ancora una volta gli interessi delle nostre imprese e del nostro territorio sono stati traditi – ha
dichiarato Enzo Cavallo. E’ vero che l’accorpamento con Catania, mai concertato con gli
imprenditori, è stato il frutto di un vero e proprio tradimento, ma ciò non autorizzava alcuno a
far passare una norma che accorpa l’area iblea alla Camera di Commercio di Trapani. Difronte
a questo paradosso l’impegno di tutti dovrebbe essere per la concretizzazione dell’originaria proposta
di molte associazioni e cioè di istituire una unica Camera con Siracusa e con sede a Ragusa, provincia
quest’ultima, le cui capacità produttive sono di assoluta avanguardia a livello non solo regionale
ma anche nazionale.  Ci sono diverse valutazioni da fare  una è che l’aumento del numero minimo delle
Camere nel Paese (60) può essere attuato perché non determina ulteriori costi visto che
l’attività degli organi sociali viene svolta in forma gratuita. L’associazione Confronto propone il passaggio delle cam com da una parte all’altra, col determinante intervento della Regione, del fondo
pensioni all’Inps per la soluzione del più grosso problema che condiziona la gestione delle
Camere di Commercio Siciliane che vorremmo vedere come presidio per lo sviluppo dei territori
di competenza nell’interesse delle imprese e di tutta l’economia”

di Direttore08 Set 2021 22:09