Vietato ballare: controlli interforze nei luoghi della movida

>

I numeri del contagio  in costante aumento fanno capire quanto sia importante l’azione di controllo delle forze dell’ordine. Infatti nonostante tali preoccupazioni nei locali pubblici ma soprattutto nei lidi lungo la costa iblea si è continuato a non rispettare le regole vietano gli assembramenti e a mantenere la distanza  tra le persone. Con questi presupposti è chiaro che non si potrebbe ballare ed invece, in barba ad ogni pericolo di contagio, in diversi locali gli agenti hanno rilevato situazioni da sanzionare.  N
Le attività interforze hanno interessato principalmente le zone dei centri storici
del Comune capoluogo e degli altri territori comunali ove in questo periodo
estivo si registra una maggiore affluenza di persone, con particolare attenzione ai
luoghi di ritrovo delle zone balneari di Marina di Ragusa, di Marina di Modica,
di Santa Maria del Focallo, di Donnalucata e di Scoglitti.
In particolare in territorio del Comune di Ispica è stato controllato un locale dove
le pattuglie hanno rilevato la presenza di numerose persone che ballavano senza
osservare il previsto distanziamento personale, prive di mascherine di protezione.
Nella circostanza è stata contestata al titolare la violazione amministrativa per la
mancata osservanza del divieto di assembramento, previsto dalle attuali
disposizioni normative nonché dalla recente ordinanza del Presidente della
Regione, con conseguente ordine di chiusura del locale per giorni cinque.
Nella frazione marinara di Santa Maria del Focallo, sempre nel Comune di Ispica,
le pattuglie hanno altresì sanzionato il gestore di un lido, con la conseguente
medesima misura della chiusura dell’attività commerciale per 5 giorni, in quanto
all’interno si consentiva di danzare senza mascherina e in violazione del
distanziamento personale. Nella notte tra sabato e domenica, analoga sanzione ha riguardato un locale sito
nella riviera di Donnalucata dove è stata riscontrata l’organizzazione di una vera
e propria discoteca all’aperto, animata da un DJ e con più di trecento persone
intente a ballare, la maggior parte delle quali senza mascherina e in dispregio
delle regole di distanziamento interpersonale.
Nel corso della stessa notte, a Marina di Modica, le pattuglie hanno effettuato un
controllo presso un lido ove era in corso una serata danzante. Anche in tale
occasione gli operatori di polizia riscontravano la mancata osservanza del divieto
di assembramento e, per tale motivo, il titolare è stato contravvenzionato con la
chiusura dell’attività per 5 giorni.
Infine, a Scoglitti, il titolare di un locale sito su quel lungomare, oltre ad essere
sanzionato per violazione del divieto di assembramento, è stato deferito
all’Autorità Giudiziaria per disturbo alla quiete pubblica e per aver organizzato
una serata danzante senza la prevista licenza di pubblica sicurezza.
Complessivamente, durante il weekend appena trascorso, sono stati controllati n.
129 esercizi pubblici, con la finalità di garantire il rispetto delle disposizioni
antiCovid-19, nonché di prevenire e contrastare l’abuso di sostanze alcoliche e
stupefacenti, spesso causa di incidenti stradali e condotte violente che turbano la
sicurezza pubblica.
Grazie al concorso nei servizi di pattuglie della Polizia Stradale, inoltre, sono
stati controllati più di 200 autoveicoli e 918 persone, nonché verificati circa 100
Green Pass.
I controlli straordinari interforze continueranno ad essere svolti in tutti i comuni
della provincia per l’intera stagione estiva, con la finalità – come più volte
ribadito dal Prefetto anche in sede di Comitato Provinciale per l’ordine e la
Sicurezza Pubblica – di garantire ai cittadini ed ai turisti ancora presenti
numerosi sul territorio ibleo, una vacanza all’insegna del rispetto delle regole,
assicurando le migliori condizioni di sicurezza.

di Direttore24 Ago 2021 11:08