Valorizzare utilizzandolo l’ex Tribunale di Modica

L’associazione provinciale Confronto, impegnata nella mobilitazione territoriale promossa dal
Comitato ProTribunale per la valorizzazione e la utilizzazione del Palazzo di Giustizia di Modica al
servizio del Tribunale di Ragusa, interviene sui contenuti del documento del Consiglio dell’Ordine
degli Avvocati col quale vengono chiesti interventi per migliorare l’edilizia giudiziaria del comune
capoluogo. Una richiesta che, se da un lato, conferma la più volte segnalata non idoneità del
Palazzo di Giustizia di Ragusa e, nell’insieme, la inadeguatezza di tutti i locali adattati a sede dei
servizi giudiziari a seguito dell’accorpamento, dall’altro propone nuove enormi spese, in netto
contrasto con la legge di riforma della geografia giudiziaria italiana voluta, oltre che per migliorare
i servizi, per contenere i costi nella logica dello spending review. Il tutto senza fare alcun
riferimento al vicino nuovo Palazzo di Giustizia di Modica il cui, più volte invocato, utilizzo quale
sede distaccata del Tribunale di Ragusa, potrebbe risolvere, anche se non tutti, e senza grandi costi
(tenuto conto del già previsto intervento della regione) buona parte dei problemi che oggi
impediscono una razionale e funzionale organizzazione dei servizi giudiziari cui fa riferimento
l’intero territorio ibleo.  L’associazione, ancora una volta, sollecita decisioni di buon senso tese a
non disperdere una struttura costata a tutti i  contribuenti oltre 11 milioni di euro (22 miliardi di lire)
dotata di tutti i requisiti di agibilità, di sicurezza e di funzionalità oltre che facilmente raggiungibile
ed accessibile grazie al grande parcheggio di cui dispone . Senza ignorare, fra l’altro, il fatto che
sarebbe un primo grande e significativo passo verso quella giustizia di prossimità da più parte
richiesta e più volte annunciata.
“Con le contrapposizioni non è facile giungere alla soluzione dei problemi presenti presso il
Tribunale di Ragusa – sostiene Enzo Cavallo, presidente di Confronto . Sbagliano coloro che
continuano ad ispirarsi a logiche campanilistiche che, in una questione così grande e così
importante, non hanno alcun senso . La problematica non riguarda singole realtà ma interessa tutto
il territorio ibleo. Se gli attuali uffici giudiziari vengono alleggeriti delle pratiche del comprensorio
di Modica, i vantaggi sono anche, se non soprattutto, degli operatori e degli utenti dei restanti
comuni della provincia. È per questo che va aperto un confronto complessivo, col coinvolgimento
di tutta la Classe Dirigente Iblea, con in prima linea i Parlamentari, i Sindaci e tutti gli eletti, per
giungere ad una scelta sensata, capace di abbreviare i percorsi con razionalità, valorizzando ed
utilizzando il Palazzo di Giustizia di Modica per il rispetto dovuto agli utenti, agli operatori, ai
cittadini di tutto il territorio ibleo e a tutti contribuenti italiani”

di Direttore18 Apr 2021 19:04