Zona rossa, è subito polemica

All’indomani della notizia che conferma la Zona Rossa in Sicilia, sono intervenuti in merito alcuni deputati del M5S: “Il presidente della Regione, ora che Roma ha salvato la Sicilia dal default, elogia i rapporti corretti col governo nazionale, peccato che non abbia mai perso occasione per polemizzare ferocemente contro Conte. Sul fronte Covid eravamo un’isola felice, ma Razza e Musumeci sono riusciti a rovinare tutto. Se siamo zona rossa e i peggiori d’Italia è colpa delle loro politiche sanitarie fallimentari  e per questo pagheranno soprattutto commercianti e partite iva. Insopportabile l’autocelebrazione del governo, in conferenza stampa, delle proprie operazioni, e bastava leggere i feroci commenti  in coda alle parole dell’esecutivo sulla pagina Facebook di Musumeci per rendersi conto di quanto ciò fosse fuori luogo. La verità è sotto gli occhi di tutti: siamo gli unici, insieme alla Lombardia, in zona rossa. Se gli ospedali sono al collasso è soprattutto perché è stata trascurata completamente la medicina del territorio, che invece andava eretta a baluardo nella lotta al virus. Musumeci ha messo le mani avanti chiedendo la zona rossa perché sapeva che sarebbe arrivata, ma lo ha fatto solo per cercare di scaricare le sue responsabilità su Roma. Ha fatto male, tra l’altro, a chiedere una zona rossa generalizzata, penalizzando così anche centri dove il virus non è fuori controllo come nelle grandi città”. Probabilmente quella della Regione è una mossa che ci si sarebbe aspettati in precedenza in momenti anche più delicati. Allo stato attuale, però, risulta pressoché fuori luogo la polemica delle opposizioni che, in un momento estremamente preoccupante, dà l’impressione di puntare il dito senza contestualizzare a dovere.

 

 

 

 

di Stefano Ferrera16 Gen 2021 14:01