Riorganizzano la Polizia Postale, a rischio la sezione di Ragusa

Mentre si accendevano i riflettori sulle celebrazioni del 165° anniversario della fondazione della Polizia di Stato, il Dipartimento della P.S. cantava il “de profundis” della Polizia Postale e delle Comunicazioni che, a seguito di una annunciata falsa riorganizzazione, verrà invece fortemente ridimensionata nelle sue varie articolazioni periferiche; a farne le spese potrebbe essere anche la Sezione di Polizia Postale di Ragusa.
Una scelta insensata, ad avviso del SILP, alla luce dell’importanza che stanno assumendo nel quadro generale della criminalità, i reati commessi con attraverso i mezzi informatici (truffe online, cyber bullismo, pedopornografia, furti di identità), destinati a crescere perché legati alla sempre maggiore informatizzazione della nostra società.
Fedeli a quello che è il nostro credo, affermiamo che non si può risparmiare sulla sicurezza; non si possono annullare anni di esperienza e professionalità di colleghi che, a seguito della chiusura degli uffici, verrebbero destinati ad altri incarichi, lasciando così interi territori senza punti di riferimento specifici per il contrasto al crimine informatico.
E’ giusto razionalizzare le risorse, ma non tagliando le eccellenze e gli uffici che funzionano, operazione che nello specifico produrrebbe ben pochi effetti.

di Redazione11 Apr 2017 11:04