La festa della Liber..Età

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERALa festa di LiberEtà, che si svolgerà sino a venerdì  27 settembre nell’area della festa e nell’auditorium della ex Chiesa di S. Vincenzo Ferreri a Ibla, non vuole essere soltanto un momento di confronto e dibattito tra gli stand espositivi o i momenti di spettacolo ma bensì un’apertura critica verso i temi che in questa stagione affliggono servizi importanti e trascurati come quello dell’assistenza domiciliare integrata e la qualità dei servizi sanitari. Il programma è stato illustrato questa mattina nel corso di una conferenza stampa tenutasi nell’area della festa di P.zza G.B. Odierna a Ragusa Ibla alla presenza di Roberta Malavasi, segretaria generale dello Spi Cgil di Ragusa, di Angelo Tabbì responsabile del dipartimento sanità della FP Cgil di Ragusa e Giovanni Avola segretario generale della Cgil di Ragusa.

I momenti più  alti della manifestazione sono previsti per domani, mercoledì  25 settembre e giovedì 26.

Nel primo di parlerà  di “Piano di azione e coesione: assistenza domiciliare agli anziani” e i lavori saranno conclusi da Mario Sai, dipartimento socio sanitario Spi nazionale e il secondo su “I servizi sanitari nel territorio ragusano: quali risposte” a cui parteciperanno il presidente della Commissione Sanità all’Ars Giuseppe Di Giacomo e l’Assessore regionale alla sanità, Lucia Borsellino .

“Sull’assistenza gli anziani i dati sono emblematici, commenta Roberta Malavasi, in provincia 4,10 sono gli assistiti su mille abitanti. In Sicilia il 2,14 che senza l’apporto del dato ragusano varrebbe l’1,14 su mille abitanti. C’è un plafond di 104 milioni di euro da spendere in Sicilia in tre anni e cinque quelli riservati ai tre distretti socio sanitari di Modica,  Ragusa e Vittoria sempre nei tre anni. I progetti dovranno essere completati entro il 14 di dicembre per poter attingere ai fondi europei.”

Stessa situazione per quanto riguarda gli interventi sull’infanzia. Cento milioni la dotazione triennale in Sicilia e di cinque milioni su base triennale quella per i distretti. Anche qui i progetti dovranno essere elaborati entro il 14 dicembre p.v.

“Da fatto occasionale, ammette Giovanni Avola, la festa annuale di LiberEtà è diventata un appuntamento fisso per discutere e confrontarsi  con le più alte rappresentanze del mondo della politica, delle istituzioni e del sindacato, su questioni che riguardano e riguarderanno tutti. Aspettiamo con ansia l’assessore Borsellino perché dovrà darci risposte alle proposte da noi formulate tre anni fa in un convegno con ‘Assessore Russo in ordine alla rete ospedaliera provinciale, e ai servizi di emergenza. Alla tre giorni darà il suo contributo la funzione pubblica con i suoi dirigenti in termini di idee e di esperienza.”

L’ultimo giorno, venerdì 27 settembre, sarà dedicato al dibattito interno al sindacato dello Spi: problematiche e prospettive. Interverrà Ivan Pedretti, segretario nazionale Spi CGIL.

 

di Redazione24 Set 2013 20:09