Tornano le agenzie di viaggi.

cataloghi_d0Avete mai visto tanta pubblicità in Tv per i vari motori di ricerca dedicati al turista fai da te?  Il motivo è evidente: c sono troppi contendenti, Trivago, Volagratis etc e tutti hanno contratti con gli alberghi e devono garantire dei numeri. Inoltre la clientela seppur figlia dell’informatica ha preso troppe fregature e sembvra intenzionata a ritornare nelle agenzie di viaggi .  Èd è proprio questo il cuore di un ampio servizio che il TG5 ha trasmesso nei giorni scorsi, con un’inversione di rotta senza precedenti rispetto alla tendenza all’esaltazione del ‘fai da te’ che i mass media continuano a propinare agli aspiranti vacanzieri italiani.
È polemica di questi giorni, e non solo in Italia, l’atteggiamento dei media, e delle televisioni in particolare, nei confronti dell’organizzazione di un viaggio. Atteggiamento dal quale emergerebbe un ruolo chiave per gli acquisti online a discapito dell’agente di viaggi.  Lo scontro fra turismo e tv, latente da tempo, si è scatenato in Italia circa una settimana fa, con un giudizio arrivato nella rubrica Costume e Società del Tg2. “Pacchetti in agenzia? Roba da turismo retrò”, si diceva nel servizio, dove veniva esaltata la convenienza della prenotazione sui vari siti presenti sul web. Le agenzie, insomma, sotto attacco nella fase calda della stagione non hanno davvero gradito.  Tanto che persino Fiavet, venerdì scorso, aveva tuonato: “Basta con gli inviti al fai da te” aveva detto arrabbiatissimo il presidente Fortunato Giovannoni. E a sorpresa, è arrivato il pentimento. Il TG5, in un ampio servizio, ha riconosciuto come “gli italiani – si dice – malgrado internet, preferiscano ancora le agenzie di viaggi”. A spiega i perché di questa preferenza e a sottolineare la professionalità come garanzia chiave che danno le adv rispetto al ‘fai da te’, fra gli altri, Antonella Ferrari, presidente di Mondo di Vacanze e Massimo Broccoli, direttore commerciale di Veratour.   A Ferrari è spettato il compito di sottolineare come “i clienti continuino a venire in agenzia, fidandosi della competenza dei professionisti del nostro network” mentre Broccoli ha sostenuto che “il nostro prodotto si trova solo in agenzia perché ha bisogno del supporto di professionisti competenti”.

di Redazione31 Lug 2013 19:07