Nuoto di fondo: quattro dell’Erea alla Traversata dello Stretto

travstrettoTerza volta (nel 2012 ci provarono con successo  Oliver Cannì,  Giovanni Battaglia, Andrea Nicita e Livio Rabito) della partecipazione di una squadra Erea alla 49. Traversata dello Stretto, in calendario per domenica  4 agosto sul consueto percorso da punta Faro, pilone elettrodotto dal lato siciliano, al pilone di Cannitello sul corrispondente lato calabrese. La squadra di quest’anno è composta da Giampiero Brugaletta, Daniele Cassarà, Raffaele Arezzi, Rosario Gianna, giocatori della squadra di pallanuoto brillante  neopromossa nella serie C di pallanuoto. Il tradizionale appuntamento con una delle manifestazioni più prestigiose ed attese del panorama mondiale, sarà onorato da cento specialisti del nuoto di fondo (50 agonisti e 50 master): il numero massimo ammesso dagli organizzatori per comprensibili ragioni di sicurezza. Tra i cento in gara, una ventina sono nuotatori di assoluto valore mondiale, che saranno a punta Faro reduci dai Campionati mondiali in corso di svolgimento a Barcellona: i quattro giovani dell’Erea, fanno parte dei rimanenti ottanta, un gruppo comunque composto da eccellenti atleti, in grado di performances notevolissime. Gara da sempre tra le più dure per le forti correnti, la temperatura dell’acqua e, non ultimo, “l’affollamento” di natanti nello Stretto, è vista come una sorta di esame di laurea per coloro che vi si cimentano: gli organizzatori garantiscono il supporto di una barca appoggio, che farà anche da guida tra le immancabili correnti. Prevista solamente la classifica individuale, alla quale saranno ammessi solamente i nuotatori che taglieranno il traguardo nel tempo limite di un’ora dal primo arrivato. Nei lunghi e faticosi allenamenti di preparazione, i “quattro Erea” stanno anche cercando di ovviare alla sicura differenza con le condizioni ambientali che si troveranno ad affrontare nello Stretto.  Delle differenze, come delle difficoltà, Daniele, Giampiero, Rosario e Gabriele ne hanno preso atto senza problemi, ed hanno previsto due uscite settimanali nel tratto di mare dal Circolo Velico Caucana all’ex Scalo Trapanese: una distanza complessiva di circa 5000 metri, molto vicina ai 5200 che li attendono.

di Gianni Papa25 Lug 2013 13:07