Fontanarossa: Si riparte dalle partenze.

aeroporto_fontanarossaA Fontanarossa, nel nuovo aeroporto, nonostante tutte le tecnologie d’avanguardia,  ci pioveva dentro. Appena scoperta la causa si è intervenuti ma questo ha costretto gli utenti a fare parecchi sacrifici per arrivare nelle zone per loro interessanti.  Ad esempio Catania era l’unico aeroporto del mondo che per partire si doveva andare agli arrivi. Finalmente la Sac, Società Aeroporto Catania, ci informa che da lunedì 18 febbraio, essendosi conclusi i lavori di impermeabilizzazione finalizzati a risolvere il problema di infiltrazione di acqua piovana all’interno dell’aerostazione nella zona arrivi, sarà riaperta la rampa di accesso al settore partenze dell’aerostazione di Fontanarossa.   La riapertura coinciderà con una modifica delle regole per il transito lungo la rampa in zona partenze. In particolare, a seguito di una riunione convocata dall’Enac, alla quale hanno partecipato anche i vertici del Corpo dei Vigili Urbani del Comune di Catania, è stato stabilito che sarà consentito il transito per accompagnare i passeggeri, con divieto assoluto di sosta e possibilità di fermata finalizzata solo allo scarico dei bagagli.  Insomma non si potrà sostare neanche per qualche minuto. La cosa sembra abbastanza condivisibile perchè a Catania c’è l’abitudine non solo di accompagnare i parenti all’aeroporto ma di abbracciarsi e piangere fino al momento che gli stessi entrano, dopo il metal detector, nella zona di sicurezza. Questo comporta una sosta di almeno una mezzoretta. Con l’occasione la Sac comunica altresì di avere apportato modifiche alle tariffe dei parcheggi per venire ulteriormente incontro alle esigenze manifestate dagli utenti. In particolare sono state uniformate le tariffe per tutti i parcheggi, che risultano così suddivisi:

  • P1 e P3 per la sosta breve delle autovetture (massimo 6 ore, con i primi 15 minuti gratuiti),
  • P2, P4 e P5 per la sosta mista, sia breve che lunga.
di Redazione16 Feb 2013 13:02