Il quarto giovedì del turismo

convegni citur 008Quarta e ultima tappa  della manifestazione “I Giovedì del turismo” , organizzata dal  Citur che ha concluso il suo percorso ieri pomeriggio alle 16.30, presso l’Antica Badia relais Hotel. Appuntamento dedicato al turismo in tutte le sue declinazioni, che sposa progetti coinvolgenti e meno canonici dagli itinerari culturali classici.  “Quale turismo per l’area iblea?”,é questa la domanda che ha fatto da filo conduttore per l’intero seminario. Vastissima e diversificata l’offerta che si scontra molto spesso con le difficoltà di natura pratica presenti nel territorio. Dopo il saluto di benvenuto della padrona di casa, la dott.ssa Minardi, la parola è subito passata al coordinatore dell’appuntamento ,il vicepresidente del Citur, l’avv. Giuseppe Lizzio.  L’obiettivo primario dell’incontro è stato l’individuazione delle tematiche turistiche che solitamente passano “sotto silenzio”.  La terra d’arte tra cielo e mare, non è solo barocco, patrimonio d’indubbia attrazione turistica. Chi viene dalle nostre parti ha inoltre la possibilità di poter scegliere un tipo di turismo che sfrutta la bellezza della nostra costa e la ricchezza della nostra campagna. A tal proposito la parola è immediatamente passata agli ospiti della tavola che, ricordiamo, sono anche e sopratutto affiliati del Consorzio.  Silvio Camillieri, ha delucidato i presenti circa la sua attività che, molto spesso non ha l’adeguata pubblicità. Titolare di “Sicilia in barca” , si occupa principalmente di affitto imbarcazioni di ogni tipologia e per tutte le tasche.  Non solo escursioni sul tratto di costa che si estende da Scoglitti a Marzamemi, ma anche battute di pesca, cene a bordo, navigazione su yacht di lusso sul Mediterraneo e tanto altro. Salvatore Licitra, proprietario di “Casato Licitra” , dal canto suo, sfrutta, grazie al suo country  hotel, tutte le potenzialità della campagna ragusana. Le escursioni a cavallo incontrano le esigenze di turisti che amano la natura e gli animali. Un tipo di turismo con diverse gamme di prezzo , che opera 12 mesi su 12 .  Non solo arte in provincia di Ragusa ma anche tanto sport e divertimento. Il dibattito si è acceso grazie ad altri interventi programmatici. Susanna Salerno, funzionario della Provincia, ha esposto un progetto riguardante il cicloturismo, altro settore che nel nostro territorio ha una risposta non indifferente. Nanni Di falco, titolare dell’associazione naturalistica per l’escurisionismo  Kalura, che si occupa principalmente di trakking, ha lanciato un appello affinchè privati e non possano valorizzare quei percorsi spesso dimenticati che tanto ingolosiscono gli appassionati, e trovare partner sulla provincia iblea per allargare l’offerta rivolta ad un turismo naturalistico.  A concludere il seminario ci ha pensato l’archeologo Giovanni Distefano che , con il suo intervento breve ed incisivo, ha individuato tutte le potenzialità che potrebbero fare”schizzare”l’offerta turistica dal minimo al massimo:la storia , il dialogo tra culture, i monumenti, la campagna ragusana.  Tanti gli interventi dei presenti, molte le proposte avanzate. Il Citur grazie a questa manifestazione, è  riuscito a promozionare e promozionarsi. L’intento di creare spunti di riflessione su una tematica scottante quale è il turismo ha centrato diritto il mirino. Se i giovani vorrebbero essere coinvolti e informati attraverso le nuove tecnologie, come i social network, i cittadini vorrebbero che questi incontri venissero prolungati, magari con la presenza dei prossimi candidati alle amministrative locali, e sopratutto che il turismo venga affidato a persone competenti ed esperti del settore. Ed è proprio su questo suggerimento che il Consorzio, ha deciso di organizzare un incontro conclusivo tra 2 settimane, per fare un punto su tutte le questioni affrontate nel corso dei 4 appuntamenti precedenti. L’augurio è che si possa continuare con lo stesso impegno, tenacia e partecipazione dimostrata nei confronti di un progetto che potrebbero essere concretamente importante nel nostro territorio.  Nella foto Giuseppe Lizzio,  Salvatore Licitra e Silvio Cammillieri

di Direttore08 Feb 2013 13:02