Per gli amici benzinai

pompa-di-benzina3 Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, nella qualita’ di assessore alle Attivita’ produttive ad interim, ha firmato oggi due importanti decreti che giacevano da mesi generando attesa nelle categorie interessate. CErto è strano tutto questo fervore ad una decina di giorni dalle elezioni ma si sa la campagna elettorale ha bisogno sempre di nuovi amici ed i due decreti servono a questo. Il primo riguarda il recepimento di alcune fondamentali norme di semplificazione, liberalizzazione e riordino del settore dei carburanti. In particolare, il decreto da’ la possibilita’ alle aziende di autotrasporto e ai cantieri di installare serbatoi di gasolio fino alla capienza di 9 mc con una semplice comunicazione denominata SCIA senza attendere il relativo parere dei vigili del fuoco, come gia’ avviene nel resto d’Italia.

Resta intestata agli stessi vigili del fuoco la verifica a campione del rispetto delle normative vigenti. Un altro articolo del medesimo decreto da’ il via libera ai distributori di carburanti stradali per la commercializzazione di prodotti di natura non petrolifera permettendo, di fatto, ad ogni distributore di ampliare la propria attivita’ fino a trasformarla in una piccola stazione di servizio. Semplificate anche le procedure per i cambi di destinazione dei distributori di carburanti o dei serbatoi di prodotti specifici: tali modifiche alle attivita’ potranno essere effettuate dietro semplice comunicazione.

Abrogato, infine, per i nuovi impianti che sorgeranno al servizio di centri con popolazione inferiore a 10.000 abitanti, l’obbligo di affiancare alla distribuzione di carburanti anche quella di gas per autotrazione.

Sempre oggi il presidente Lombardo ha firmato, congiuntamente all’assessore per l’Economia Gaetano Armao, un decreto che approva i criteri di presentazione delle istanze per il contributo una tantum per l’anno 2012 per spese di gestione dell’autoveicolo ai titolari di licenza di servizio taxi o noleggio con conducente. Si sblocca, cosi’, la somma di 1 milione e 300 mila euro del fondo di gestione separata Irfis – FinSicilia destinata proprio a questo scopo.

di Redazione12 Ott 2012 21:10