L’amara domenica della Vigor Santa Croce

FotosquadraAmara sconfitta per la Emmolo S. & C. srl Vigor di Santa Croce, che ha dovuto tirare i remi in barca sul campo del Mascalucia, perdendo per 68 a 59. Un Mascalucia che a differenza delle annate precedenti, è scesa in campo con l’idea chiara di non dovere perdere il confronto contro la squadra camarinense. D’altro canto la Vigor, in versione super baby, con Lorenzo Mandarà e Salvo Rizzo in cabina di regia, aveva fatto capire subito che teneva molto alla vittoria esterna, portandosi sul finale del primo quarto a più 12. Ma come accade spesso in questo inizio di campionato, i cambi sul campo non pagano, come dovrebbe essere, coach Di Stefano.

” Sicuramente – afferma coach Di Stefano – stiamo pagando alcune situazioni non positive. L’assenza dal campo di allenamento ( per motivi di lavoro ) di Peppe Damasco ci ha tolto un dei pochi punti di riferimento importanti. Tra l’altro ieri ( ma ne avrà ancora per altre due settimane ) mancava, per infortunio, anche il lungo Giuseppe Barone,, uomo d’aria in grado di contrastare in modo efficace i lunghi avversari. Quindi tutto il peso della partita nel zona lunghi ricade su Susino a corto di preparazione fisica. Comunque non vogliamo piangerci addosso. Siamo all’inizio della stagione, un po’ tutte le squadre stanno vivendo un non grande momento, ed è nostro dovere cercare di trovare un quintetto più equilibrato tra attacco e difesa ed in grado di reggere per tutto l’arco dei quaranta minuti. Abbiamo dei buoni giocatori, anche se giovani e pochi esperti, ma sono sicuro che troveremo la formula giusta per venirne fuori con grande dignità, come abbiamo sempre fatto. Il secondo quarto della gara comincia con gli avversari che tiri su tiro riducono lo svantaggio tanto da chiudere sul più 1 grazie anche ad una prestazione di Gulinello impeccabile. Il terzo quarto è un quasi giocare punto a punto, ma nell’ultimo e decisivo quarto i camarinensi cominciano a perdere di lucidità lo dimostrano i 6 tiri liberi su 16 ( bastavano solo quelli per vincere la gara ) perdendo il filo della matassa e permettono agli avversari di portare a casa i loro due primi punti. Adesso la squadra di Di Stefano sarà impegnata in uno stepp di partite che la vedranno contro l’Adrano in casa per poi giocare due incontri esterni contro Cus Catania e Aretusa Siracusa. Quindi il doppio incontro casalingo contro le prime della classe Licata e Porto Empedocle.

 

di Redazione29 Ott 2012 10:10