Il 2 giugno di Ragusa

>

Dopo il tradizionale momento dell’Alzabandiera, innanzi allo schieramento del Picchetto interforze e dei Gonfaloni dei Comuni della provincia, il Prefetto Giuseppe  Ranieri, accompagnato dal Comandante di Presidio Col. Gabriele Gainelli e da
Sindaco di Ragusa Giuseppe Cassì, ha proceduto alla deposizione di una corona di alloro davanti al monumento ai Caduti.
Alla presenza del Commissario dello Stato per la Regione Siciliana, Prefetto  Ignazio Portelli, del Vescovo di Ragusa, Mons. Giuseppe La Placa, del Commissario Straordinario del Libero Consorzio, dott. Salvatore Piazza, dei Sindaci, dei  Parlamentari iblei, dei vertici delle Forze dell’Ordine e dei Dirigenti degli Uffici pubblici della provincia, è stata data quindi lettura del messaggio del Presidente della
Repubblica conclusosi con l’espresso auspicio che “la celebrazione del 2 giugno possa costituire per i cittadini una rinnovata occasione di riflessione sui valori costituzionali ai quali ispirare il quotidiano contributo al servizio del Paese”.
Successivamente il Prefetto Giuseppe Ranieri, nella tradizionale allocuzione, dopo aver ricordato i valori fondanti della Repubblica, ha sottolineato il difficile momento storico che, con la pandemia prima e il conflitto russo-ucraino poi, sta  imponendo sacrifici ai cittadini, ringraziando le Forze dell’Ordine e le Istituzioni statali, regionali e locali che, ciascuna nel proprio ambito e in fruttuosa sinergia e
collaborazione tra loro, continuano a dare un apporto fondamentale per garantire la coesione sociale e la tutela delle libertà civili, della legalità e della sicurezza.  Si è quindi proceduto alla consegna delle onorificenze di Cavaliere dell’Ordine
al Merito della Repubblica Italiana conferite dal Presidente della Repubblica a cittadini iblei per benemerenze acquisite verso la Nazione. Le distinzioni onorifiche sono state consegnate quest’anno a: Maestro Arezzo Giuseppe, Dott. Brugaletta
Salvatore, Luogotenente dott. Cantarella Gerardo, Sig. Giannone Angelo, Col. Della GDF Dott. Pacetto Massimiliano e Comandante Prov. Della GDF dott. Giorgio Salerno. La cerimonia è stata accompagnata da momenti musicali ufficiali e di intrattenimento, curati dalla Fanfara degli Iblei dell’Associazione Nazionale Bersaglieri – Sezione di Santa Croce Camerina e dal Corpo bandistico
dell’Associazione culturale musicale San Giorgio 1892 di Ragusa, mentre l’inno nazionale è stato cantato dal tenore Dario Adamo e contemporaneamente espresso, a beneficio dei non udenti, nel linguaggio dei segni dai ragazzi delle Scuole Edmondo
De Amicis di Comiso e Maria Schininà di Ragusa, che hanno così voluto esprimere significativi sentimenti di partecipazione ed inclusione.
A conclusione della manifestazione, i Vigili del Fuoco di Ragusa con una spettacolare manovra acrobatica hanno srotolato, lungo tutta l’altezza del palazzo della Banca d’Italia, un enorme tricolore accompagnandolo nella discesa dal tetto alla piazza con personale specializzato.

di Redazione02 Giu 2022 19:06