Migliora la salute dell’economia ragusana

>

Arrivano, per fortuna, una serie di buone notizie dall’Istat sulla salute dell’economia
della provincia di Ragusa. Il riferimento è alla fiducia di imprese e consumatori, il cui
livello a giugno fa segnare un forte aumento: l’indice relativo alla prima sale, infatti,
da 105,3 a 111,9, mentre quello che misura la seconda “schizza” da quota 108,6 a
114,5. Quest’ultimo, al terzo mese consecutivo di aumento, supera così il livello
prepandemia di febbraio 2020 e raggiunge il livello di ottobre 2018. Per quanto
riguarda le imprese, si consolida il trend iniziato nel dicembre scorso: in
particolare nei servizi di mercato l’indice sale da 99,1 a 106,7 (valore nettamente
superiore a quello di febbraio 2020) e nel commercio al dettaglio da 99,9 a 106,7. Nei
servizi di mercato la fiducia migliora nettamente nel settore del trasporto e
magazzinaggio, mentre è in lieve calo nel turismo e nei servizi alle imprese. Nel
commercio al dettaglio, migliorano i giudizi sulle vendite e sulle scorte, mentre
diminuiscono le attese sulle vendite. Per quanto riguarda i circuiti distributivi, forte
miglioramento della fiducia nella distribuzione tradizionale (l’indice passa da 92,7 a
101,5), più contenuta la dinamica nella grande distribuzione (da 103 a 108,6).
“L’avanzamento della campagna vaccinale e la sensibile remissione dei contagi,
unitamente alla drastica riduzione della contabilità dei decessi – spiega il presidente
provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – influenzano il dato di
giugno sul clima di fiducia di famiglie e imprese che manifestano in modo
inequivocabile forti aspettative di ripresa. Secondo il nostro ufficio studi nazionale,
che ha elaborato anche i dati dell’area iblea, si stanno concretizzando le condizioni
ottimali per quel recupero della domanda coerente con una variazione del Pil
prossima al 4,3% per l’intero territorio provinciale nell’anno in
corso”. Tuttavia, l’andamento dell’indice relativo a servizi alle imprese e
turistici “conferma – aggiunge Manenti – che le attese di ripresa, seppure
complessivamente ben impostate, presentano elementi di fragilità a causa delle
ingenti perdite subite da importanti settori produttivi che ancora stentano a recuperare
i livelli di attività pre-Covid”.

di Redazione28 Giu 2021 13:06