Comiso…. ma senza esagerare!

>

Peccato! Se lo avessimo saputo saremmo stati presenti a questo incontro con il sottosegretario Cancelleri svoltosi all’aeroporto di Comiso. Si poteva fare ad esempio una conferenza stampa, alla fine, in modo da rispondere alle domande dei giornalisti, di alcuni almeno, che hanno tanta voglia di fare chiarezza sul futuro dello scalo. Ci dobbiamo purtroppo accontentare della “velina” inviata dalla Soaco nella quale ci parlano dei punti affrontati. 
Ci rendiamo conto che il sottosegretario, dalle nostre parti, potrebbe rischiare di essere messo in difficoltà per i ritardi o le omissioni nelle opere promesse. A Comiso invece, dove ci sono solo richieste e preghiere, si fa certamente bella figura.  Ci lamenteremo con il rappresentante del M5S in provincia, l’on Campo, che sappiamo molto attenta ai problemi di Comiso che ci manda tanti comunicati e si è scordata di  informarci. Ma veniamo ai fatti:   

Prorogare i tempi di applicazione del Bando sulla continuità territoriale, per consentire a questa storica opportunità di esprimere appieno i propri benefici per tutti i siciliani, quando la fine dell’emergenza Covid lo consentirà. Sarebbe questa la maggiore richiesta dei vertici della Soaco al sottosegretario Cancelleri.  Secondo noi che scriviamo è assolutamente necessario che il Governo nazionale proroghi la validità del bando al fine di utilizzare i fondi previsti, che al momento risultano investiti solo parzialmente. L’Alitalia che lo scorso settembre si è aggiudicata la gara ha “volato”  per moltissime tratte in meno della convenzione e in qualche modo ci deve essere una compensazione. Rispetto alle rotazioni giornaliere che dovrebbero essere assicurate in condizioni di normalità, al momento vengono operate solo rotazioni bisettimanali, il lunedì e il venerdì. Per questo sembra opportuno che il Governo attui questa proroga e si adoperi sin d’ora per assicurare i fondi necessari a rinnovare il Bando al momento della sua scadenza. Sappiamo perfettamente quanto sarà importante garantire a tutti i siciliani la possibilità di volare a tariffe fisse verso Roma e Milano quando si riprenderà a viaggiare regolarmente per motivi di lavoro, di salute e di famiglia, oltre che a scopi turistici, dal momento che gli aeroporti di Fiumicino e Linate sono anche importanti hub internazionali.

Il presidente Mistretta ha informato Cancelleri anche sullo stato di avanzamento del progetto cargo. È stata già conclusa la fase dell’avviso esplorativo alla ricerca degli operatori economici interessati.  Nell’attesa  si sta procedendo con la progettazione ed apertura, prevista tra un paio di mesi, di  un ufficio merci nell’area aeroportuale. Secondo i vertici Soaco Comiso, per la sua collocazione al centro della provincia in cui si realizza una gran parte del Pil siciliano e per la sua posizione ottimale rispetto a tutta l’area del Mediterraneo sia candidato  naturalmente ad un ruolo centrale anche nel trasporto delle merci».

Il sottosegretario Giancarlo Cancelleri relativamente al progetto cargo ha assicurato la propria disponibilità per tornare a Comiso per discutere lo stato di avanzamento dello stesso.

si è evidenziata la necessita di far coincidere gli orari dei pullman con quelli degli aerei e affrontare i problemi di connettività dell’aeroporto con il territorio di interesse, del sistema delle infrastrutture del Sudest che ruota attorno alla Ragusa-Catania.  Insomma in un momento di profonda crisi  la continuità territoriale e le tariffe sociali, oltre a garantire la possibilità a tantissimi siciliani di spostarsi a tariffe competitive verso Roma e Milano deve contribuire alla ripresa del comparto turistico da un lato, e a venire incontro alle esigenze di mobilità dei cittadini più fragili, dall’altro. Sempre se non ci sono i soliti furbi che prensono i soldi e non fanno volare nessuno!!!!!

di Direttore27 Apr 2021 12:04