Giardino ibleo con i bagni pubblici chiusi. Botta e risposta tra M5S e ammnistrazione

“I gestori dei bar, dei pubblici esercizi – sottolineano i consiglieri pentastellati al comune di Ragusa – sopperiscono a questa mancanza con i loro servizi ma è fin troppo evidente che un borgo così rinomato e frequentato non può rimanere senza bagni pubblici al Giardino ibleo che, tra l’altro, è il punto di arrivo di tutti i turisti. E poi perché devono essere i bar a svolgere un’attività che dovrebbe essere regolarmente garantita dal Comune? Come se non bastasse, neppure la fontana del Giardino si presenta nelle condizioni ideali. Ma come? Secondo l’assessore comunale al Turismo c’è il tutto pieno a Ibla e ci facciamo trovare così impreparati? Senza bagni pubblici al Giardino ibleo e con la vasca, che dovrebbe rappresentare una delle principali attrazioni del sito, ridotta in queste condizioni? Chiediamo un intervento immediato all’amministrazione comunale affinché si possa porre rimedio a queste anomalie che, certo, non invogliano i visitatori a ritornare”

In risposta al comunicato del gruppo consiliare M5stelle sulla situazione dei bagni pubblici e della vasca del Giardino Ibleo, l’Assessore al verde pubblico e decoro urbano Giovanni Iacono replica nel seguente modo:
“I locali dei servizi del Giardino Ibleo sono stati oggetto di un contenzioso tra i gestori e il Comune a cui era stato affidato il servizio negli anni dei grillini: solo nei giorni scorsi si è giunti a una risoluzione dell’accordo, che ha previsto anche ristrutturazioni varie e la tinteggiatura dei locali.
Nei prossimi giorni pertanto questi rientreranno nella disponibilità dell’Ente così da procedere ad un nuovo affidamento e alla riapertura dei bagni pubblici. Conosciamo e contenzioso. La vasca, invece, è oggetto di lavori all’interno di un progetto che l’assessorato al verde sta realizzando per un importo di 50.000 euro nel quale sono ricomprese opere di riqualificazione arborea e delle siepi. La vasca ha patito per
anni una grave mancanza di manutenzione, con perdite di acqua che durano da altrettanto tempo, e richiede ora serie riparazioni ed il rifacimento della guaina lacerata in più punti così come si renderà necessario il restauro delle colonnine dei viali danneggiate da atti vandalici. Ancora una volta i consiglieri grillini arrivano smemorati, tardi, disinformati e male!”

di Direttore26 Ago 2020 15:08