Anche a La Spezia aquile più forti della stanchezza e degli infortuni

squadraTanta stanchezza per la sfilza di impegni ravvicinatissimi e tanti problemi di formazione tra assenti “totali” (di medio termine come Laura Nicholls e di lungo termine come Barbara Bagnara) ed acciaccate in campo a mezzo servizio, nell’ultima fatica dell’anno sul parquet del fanalino di coda La Spezia; ma anche tanta grinta e tantissima voglia di conquistare la settima affermazione consecutiva (tra campionato ed EuroCup). Anche il successo a La Spezia, seppure meno che al PalaMinardi con Battipaglia, è stato molto più faticato di quanto potesse far prevedere la posizione in classifica delle rivali, ma visti i problemi forse non avrebbe potuto essere altrimenti. La vittoria ha consentito di appaiare S. Martino di Lupari al quarto posto e fa morale in vista degli impegni alla ripresa di gennaio, se possibile perfino più faticosi rispetto al già sfiancante dicembre. Vediamoli in dettaglio. Si parte mercoledì 4 al PalaMinardi di nuovo con La Spezia per la qualificazione di Coppa Italia: vincendo, ci si giocherà il pass per la “Final Four” domenica 15 a S. Martino di Lupari. Per l’EuroCup il calendario prevede mercoledì 18 la trasferta a Nymburk con ritorno mercoledì 25 al PalaMinardi: con un successo a testa conta la differenza canestri, in caso di nuova parità andrebbe ai quarti la Passalacqua, meglio classificata nella prima fase. Durissimo anche il programma campionato: domenica 8 trasferta a Broni, domenica 22 al PalaMinardi con Reyer Venezia e domenica 29 “visita”alla capolista Gesam Lucca. Un vero, classico “tour de force”, che rende tanto attesa quanto indispensabile la settimana di riposo (le ragazze saranno di nuovo a Ragusa prima di Capodanno) innanzitutto per recuperare dagli acciacchi. E’ lo stesso coach Gianni Lambruschi a svelare quanto fosse “seria” la situazione”a La Spezia: “Abbiamo trascorso l’intervallo al telefono con i dottori che stavano guardando in streaming la partita, per capire cosa fare con le molte acciaccate. Formica, che ha problemi al ginocchio, aveva preso anche una brutta botta, che per fortuna non le ha impedito di rientrare. Finalmente arriva la pausa: spero che le ragazze recuperino bene, oltre ad essere acciaccate sono anche stanchissime. A La Spezia ci hanno fatto vincere orgoglio, tecnica e cervello in attacco, come con Battipaglia: due gare in teoria facili che invece ci hanno imposto di lottare all’arma bianca fino all’ultimo; ma siamo contenti di come è finita. Importa poco cosa fanno gli altri, aver vinto è l’unica cosa che conta davvero. Auguri di buon Natale a tutti i tifosi che ci seguono sempre con grande affetto”. Durante il periodo delle festività non si ferma il lavoro della società, che potrebbe annunciare a breve le tanto attese “novità in entrata”.
TABELLINO: Carispezia La Spezia 55 – Passalacqua Ragusa  60. PARZIALI: 14/12-29/24-40/46. LA SPEZIA: Bocchetti 4, Striulli 16, Nori, Aldrighetti ne, Costa, Premasunac 16, De Pretto 9, McIntyre 4, Bacchini ne, Linguaglossa 3, Reke 3, Carrara. Allenatore Barbiero. RAGUSA: Nicholls ne, Consolini 13, Gorini 4, Valerio, Spreafico 14, Formica 7, Brunetti, Bongiorno ne Vanloo 8, Ndour 14. Allenatore Lambruschi. ARBITRI: Yang Yao di Vigasio, Costa di Livorno e Sartori di Arsiè.
 

di Lina Giarratana22 Dic 2016 15:12