A Ragusa I Forconi parteciperanno alla conferenza organizzata dal PD sulle risorse previste dal PSR 2014-2020

Sabato pomeriggio a Ragusa alle 17,30 all’Hotel Montreal in via San Giuseppe 14 ci saremo pure noi. E’ li che si svolgerà la conferenza dibattito organizzata dal PD sulle risorse previste dal PSR 2014-2020 per promuovere gli investimenti nell’agricoltura dei prossimi anni. Ed è alla parlamentare europea Michela Giuffrida, la cui partecipazione è prevista per relazionare sull’argomento, quale rappresentante di questa Sicilia orientale, che vorremmo rappresentare, ancora una volta, il paradosso macroscopico tra un sistema politico che propone di investire per vincere la sfida della globalizzazione e la realtà che ti scoraggia, ti massacra e ti accompagna al fallimento. Siamo nella provincia più agricola d’Italia e siamo in un territorio, il Sud Est, che avrebbe tutte le carte in regola per essere capofila in Europa in quanto ad innovazione tecnologica al servizio di un settore la cui professionalità è certificata dal mondo intero e che si è specializzato nelle produzioni di eccellenze. Peccato che il convegno cada in un momento in cui i mercati vedono, ancora una volta, i produttori del comparto subire le conseguenze dell’invasione di prodotto estero con gli inevitabili pesanti squilibri tra domanda e quindi il drammatico tracollo dei prezzi. Come si fa a parlare di investimenti se non risolviamo l’aspetto commerciale che ci vede perdenti nei confronti dei Paesi emergenti? Non si può parlare di agricoltura innovativa se ci lasciamo massacrare dalla concorrenza letteralmente sleale. Se la comunità Europea vuole darci una mano per continuare ad esistere e rilanciare l’agricoltura italiana deve prima spiegarci per quale motivo abbia inserito le norme di salvaguardia nell’accordo Euro-Mediterraneo e non le abbia mai messe in atto. Ci spieghi se e come intende sanzionare severamente i venditori del falso Made in Italy . Come pensa di rendere seri e severi i controlli su tutta la merce importata a tutela della nostra salute? Cosa vuole fare in buona sostanza di questi eroi di produttori pazzi del loro lavoro che stanno opponendo la loro resistenza al rischio di estinzione? Sabato è il 16 Gennaio ed è l’anniversario dell’inizio delle manifestazioni di quattro anni fa, non riusciamo più a digerire parole, queste erano le domande di quattro anni fa e sono rimaste le stesse. Le risposte non sono mai arrivate, nel frattempo il disastro non ha mai smesso di mietere vittime. Ognuno ne tragga le sue riflessioni.

di Redazione13 Gen 2016 13:01