Lotta alla droga: raffica di perquisizioni. I Carabinieri arrestano a Vittoria un giovane pregiudicato

Prosegue l’azione di prevenzione e contrasto dei reati da parte dei Carabinieri della Compagnia di Vittoria, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio predisposti dal Comando Provinciale di Ragusa.
Nel corso della mattinata odierna, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vittoria hanno svolto diverse perquisizioni con l’aiuto delle unità cinofile antidroga dei Carabinieri di Nicolosi (Ct). Non c’è stato scampo per un giovane Vittoriese, Davide Barravecchia, trentenne già noto alle forze dell’ordine, quando si è trovato davanti “Indic”, pastore tedesco unità cinofila antidroga, famoso per il suo infallibile fiuto. Pochi istanti di ricerca. L’operatore intuisce immediatamente quanto segnalato dal cane e la perquisizione si concentra in un vecchio forno di pietra del casolare utilizzato dal Barravecchia come nascondiglio per la droga. Abilmente occultata in una intercapedine, accessibile spostando uno dei mattoni di rivestimento del forno, è stata trovato della droga. 70 grammi circa di hashish, già suddiviso in stecchette e pronto per essere venduto.
La perquisizione ha interessato anche il veicolo in uso al giovane, dove sono state rinvenute alcune tracce di marijuana.
Condotto in caserma per gli atti e gli adempimenti relativi all’arresto, Barravecchia è stato successivamente tradotto, su disposizione dell’autorità giudiziaria iblea, presso la casa circondariale di Ragusa a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, dott.ssa Monica Monego, davanti alla quale dovrà rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

1

La droga sequestrata verrà ora analizzata per valutarne le caratteristiche chimico/qualitative e di conseguenza per stabilire il numero di dosi ricavabili. Sul mercato, la cosiddetta “stecchetta” di hashish del peso di un grammo, viene venduta a dieci euro.
L’allarmante fenomeno dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti, specie tra i giovanissimi e in luoghi pubblici frequentati da giovani e da famiglie, ha fatto aumentare l’attività di contrasto da parte dei militari dell’Arma dei Carabinieri, sia in termini di prevenzione che di repressione dei reati legati alle droghe, soprattutto negli ultimi mesi. L’obiettivo di tali operazioni svolte dai Carabinieri è stato e rimane quello di migliorare la sicurezza dei cittadini e, soprattutto, impedire a molti giovani di cadere nella terribile trappola delle droghe, consumate ormai solo per moda. Molti giovani, infatti, non si rendono conto che quel gesto di condivisione di sostanze stupefacenti, all’apparenza innocuo e, per alcuni motivo di vanto, porta col tempo solo a conseguenze spiacevoli per la salute.
La collaborazione delle famiglie con l’Arma dei Carabinieri, in questo caso, continua a rivestire un ruolo di fondamentale importanza. Sono numerosi i genitori che, avendo notato atteggiamenti strani dei figli, segnalano anche in modo riservato eventuali frequentazioni sospette o luoghi di ritrovo ove si svolgono attività illecite di spaccio.
Ulteriori servizi mirati saranno svolti anche nei prossimi giorni.

di Redazione11 Nov 2015 12:11