Ragusa. Avviati i lavori per la collocazione de “L’Atleta” in contrada Selvaggio

Sono iniziati i lavori all’interno della rotatoria di Contrada Selvaggio per la ricollocazione della scultura “L’Atleta” del compianto artista, ragusano d’adozione, Nunzio Di Pasquale. L’iniziativa, che ha visto impegnati l’assessorato alla Cultura e l’assessorato ai Lavori Pubblici dell’ente , coinvolge anche il CONI promotore della proposta, un team di progettisti (gli architetti Carmelo Dipasquale e Gianni Rizza e l’ingegnere Saro Tomasi ) e un pool di Imprese ( Sosedil srl, Fir.ma Impianti srl e Area Iblea srl per le opere edili, e Omet di Tumino F. & co.snc per le opere in acciaio e rame) che si faranno carico, a titolo gratuito, della realizzazione del basamento simbolico, a rappresentare la forza unificante dello sport, nonché dell’avvenuto restauro della statua, mentre il Comune di Ragusa sistemerà l’impianto di illuminazione e realizzerà alcune opere accessorie.
“L’Atleta è sicuramente la scultura più popolare e amata di Nunzio Di Pasquale – afferma l’assessore alla Cultura Stefania Campo – La statua, che presidiava lo stadietto di Villa Margherita e che rappresenta un’immagine molto cara a tutti gli sportivi e non, verrà ricollocata all’ingresso di quella che è ormai da anni diventata la zona sportiva di eccellenza della città dove sono ubicati gli impianti sportivi più importanti. Sarà insieme un omaggio all’artista scomparso, con la sua rappresentazione spesso visionaria di città futura, e allo sport con la sua ideale capacità aggregante e priva di discriminazioni, strumento di pace, legalità e interculture”. Anche l’assessore ai Lavori Pubblici Salvatore Corallo sottolinea il segno qualificante dell’intervento: “L’ opera riqualificherà la rotatoria di via Magna Grecia, una delle più visibili e strategiche per posizione del quartiere sportivo della città. Il progetto del basamento, in resina turchese, che richiama la vasca originale, rappresenta esso stesso un elemento architettonico studiato nei dettagli dai progettisti e avrà come riferimento, grazie allo sport, l’unione dei popoli di ogni nazione”.

di Redazione20 Mag 2015 17:05