CUI, Mauro e Criscione (FI): “Combatteremo a fianco degli studenti per difendere l’università”.

“La battaglia per il mantenimento dell’esperienza universitaria in provincia di Ragusa non può vedere divisioni ideologiche, ma solo convergenza politica per raggiungere lo scopo di tutelare il Consorzio Universitario e garantire un futuro alle centinaia di studenti che in questo territorio hanno deciso di formarsi”. Lo dichiarano congiuntamente il sen. Giovanni Mauro, portavoce e commissario di Forza Italia in provincia di Ragusa, e Giovanni Criscione, presidente del Club FI Xiumè.
“Abbiamo appreso dal presidente del Consorzio Cesare Borrometi – dice Mauro – che il commissario della Provincia di Ragusa Cartabellotta non sarebbe intenzionato a rientrare nella governance e quindi nella partecipazione alle finanze del CUI. Questo dietro front rispetto alle dichiarazioni di qualche mese fa ci lascia basiti”.
“Comprendiamo – aggiunge – che il ruolo di Cartabellotta è quello del burocrate leale alla presidenza della Regione e, a maggior ragione, a sua volta dovrebbe comprendere che se oggi esistessero un presidente della Provincia ed un Consiglio provinciale, mai e poi mai gli eletti acconsentirebbero a un tale scempio”.
“Ci schiereremo con i giovani che oggi, nel corso di un’assemblea pubblica – dichiara Criscione – hanno deciso di protestare per difendere il loro diritto allo studio, consapevoli che la situazione politica e finanziaria della nostra regione è delicatissima e quindi sarà uno scontro difficile e faticoso. Non ci piace l’approccio ragionieristico alle questioni che non sono legate solamente alla cultura, ma prima di tutto allo studio ed alla preparazione degli universitari”.
“Con ogni mezzo e con ogni nostra forza – concludono i due rappresentanti di Forza Italia – ci impegneremo per questa battaglia a fianco degli studenti e del nostro territorio che non può essere ricordato dal Governo regionale, ancora una volta, solamente per tagli e dismissioni”.

di Redazione31 Mar 2015 21:03