Un carabiniere “eroe per caso” durante lo sbarco di oggi

sbarco sampieriL’ennesimo sbarco sulle nostre coste ma questa volta si devono contare numerosi morti. Anche la dinamica dei fatti è abbastanza preoccupante. A quanto pare il protagonista in assoluto della vicenda è un carabiniere che si è lanciato  in mare per soccorrere i migranti ed è anche riuscito ad arrestare  scafista.  L’eroe, per caso,  in forze alla  tenenza di Scicli, è il carabiniere Carmelo Floriddia,  che, durante il tragico sbarco avvenuto stamane sulla spiaggia di Sampieri, ha salvato almeno tre persone che erano in procinto di annegare ed ha recuperato i corpi di altri sei migranti che figurano tra le 13 vittime. Insieme ad  altri colleghi il militare era in servizio di pattugliamento sul litorale quando la loro attenzione è stata richiamata dalle grida di alcune persone che si trovavano sulla spiaggia preoccupate  per l’esito  dallo sbarco. Resosi conto della gravità della situazione, il carabiniere si è subito   tolto la divisa lanciandosi in mare . A pochi metri dalla riva il Floriddia  ha raggiunto  un primo  gruppo di naufraghi che stavano annaspando ed ha cominciato a trasportarli a riva uno dopo l’altro con l’aiuto di tre bagnini del vicino villaggio turistico “Marsa Siclà”.  Il militare ha anche cercato di rianimare con la respirazione bocca a bocca e prolungati massaggi cardiaci i nove naufraghi recuperati, ma per sei di loro non c’è stato nulla da fare.  Nonostante fosse particolarmente provato il carabiniere  si  è tuffato nuovamente in acqua quando ha visto che gli scafisti avevano avviato le manovre per riprendere il largo. E’ riuscito anche  a salire sul barcone e a bloccare uno dei due traghettatori nordafricani  armato di un coltello e di una fune, che stava tentando di far ripartire il barcone per sfuggire all’arresto.  L’altro scafista è stato invece fermato dai militari sulla spiaggia mentre tentava la fuga.  A quanto pare sul barcone c’erano almeno 200 persone che sono state in parte fermate ed avviate ai centri di soccorso. Insomma quello che è accaduto oggi fa davvero pensare. Noi insistiamo su un piccolo particolare come può accadere che un barcone arrivi impunemente a pochi metri dalla spiaggia di una località turistica senza che nessuno se ne accorga, E fortuna, per modo di re, fortuna che c’era questo eroico carabiniere sennò i morti sarebbero stati di più. Ora sappiamo le condizioni dei profughi, sappiamo che c’è la guerra, ma non si può restare insensibili all’immagine che ora farà il giro di tutti i giornali e le Tv con i corpi di 13 persone stesi sulla spiaggia.

di Direttore30 Set 2013 14:09

Privacy Preference Center