I “Conti” tornano. L’assessore presenta il suo progetto ambientale.

riunione ambientalistiPer Claudio Conti oggi è stata, certamente, una bella giornata. Infattiper la prima volta nella veste ufficiale  di assessore alle Politiche del Territorio e per l’Ambiente  ha incontrato  le associazioni ambientaliste della città. Purtroppo non c’è stata una convocazione precedente  e quindi la stampa non ha avuto modo di seguirne i lavori.  La riunione è servita a focalizzare le criticità e le problematiche ambientali su cui costruire un rapporto di collaborazione condiviso e partecipativo per la risoluzione dei problemi e la promozione di politiche ambientali. “L’intenzione di questa amministrazione – ha esordito l’assessore Conti – è quella di aprirsi totalmente all’esterno, ai soggetti che sono impegnati a promuovere attività a favore dell’ambiente, iniziative che faremo nostre  in modo da offrire ai cittadini quanti più servizi possibili per la fruizione del territorio”. Molti i temi  citati dai partecipanti  su cui potere avviare un lavoro sinergico: dal  Parco degli Iblei, al tema scottante dell’inquinamento delle sorgenti, dalle micro discariche abusive di inerti disseminate nel territorio  alla gestione dei rifiuti, dal Piano paesistico al verde agricolo urbano, dal sistema delle vallate alla messa in sicurezza delle latomie, dall’utilizzazione della diga di S. Rosalia all’erosione costiera, dalle ricerche petrolifere alle isole ecologiche. Particolare attenzione è stata posta al tema dell’inquinamento idrico che rimane  una criticità da affrontare  sotto diversi punti di vista. E’ stata anche evidenziata la particolare natura carsica del sottosuolo ibleo che facilita la penetrazione di agenti inquinanti nelle falde acquifere, per cui “bisognerebbe tutelare le zone di rispetto”. “Tenteremo di trovare una soluzione che sia compatibile – ha rimarcato l’assessore Conti –  sia con  la salvaguardia delle sorgenti che delle aziende agricole interessate, che  potranno avere la possibilità di dotarsi di un marchio di compatibilità ambientale con l’adozione di buone pratiche agricole. E’ indubbio che per noi il bene acqua è prioritario”. Sui rifiuti, argomento ripreso da più parti, l’assessore ha assicurato che l’amministrazione punterà sulla raccolta differenziata spinta, allargata a tutta la città, il servizio verrà pagato dal cittadino in base ai rifiuti prodotti e non ai metri quadrati di superficie: “stiamo predisponendo un bando europeo per l’affidamento del  servizio, ci vorranno  6-9 mesi per la nuova gestione  dei rifiuti urbani, nel frattempo chiederemo alla ditta Busso di rispettare il capitolato d’appalto. Per evitare la formazione nel territorio di micro discariche di inerti  studieremo il modo per i cittadini di scaricare gratuitamente in centri di raccolta comunali, così come daremo informazioni dettagliate su come mettere in sicurezza l’eternit da smaltire. Per quanto riguarda il conferimento dei rifiuti in discarica è necessaria la realizzazione della terza vasca già programmata, possiamo solo verificare se è possibile individuare un sito migliore rispetto a  quello previsto per scongiurare l’inquinamento da  percolato”.

di Direttore08 Lug 2013 19:07