Lunedì la “sciuta” di San Giovanni a Chiaramonte

La festa e

Tutto pronto per la solennità di San Giovanni Battista, protettore di Chiaramonte Gulfi, che sarà celebrata lunedì 24 giugno. Le celebrazioni coinvolgeranno l’intera comunità del centro montano. Alle 8, il festoso scampanio e lo sparo di colpi a cannone darà il via alla speciale giornata. Le funzioni religiose sono in programma alle 6, alle 7, alle 8, alle 9 e alle 12. Alle 9,30, il corpo bandistico “Vito Cutello” percorrerà le vie principali della città mentre in piazza Duomo saranno eseguite le marce sinfoniche. Alle 10, ci sarà la santa messa solenne per ricordare i confrati defunti. Alle 11, la solenne celebrazione eucaristica con panegirico del santo officiata da mons. Carmelo Ferraro, arcivescovo emerito di Agrigento. La giornata proseguirà, poi, con una serie di cerimonie molto suggestive. Alle 14,30, tra le acclamazioni dei fedeli devoti, il simulacro del Battista sarà portato a spalla al centro della chiesa per la venerazione e la benedizione dei bambini. Alle 17,45, il corpo bandistico “Alessandro Scarlatti” percorrerà le principali vie della città. Alle 18, la confraternita di San Vito, come da tradizione, offrirà solennemente un cero, splendidamente addobbato. Alle 18,30 è in programma l’esecuzione di marce sinfoniche in piazza Duomo. Alle 19, si terrà la santa messa solenne presieduta dal parroco di Rapagnano, don Luigi Malloni, con la presenza di una rappresentanza della delegazione Gran Priorale di Siracusa e Ragusa del Sovrano militare ed ospitaliero Ordine di San Giovanni di Gerusalemme detto di Rodi e Malta. Alle 20, il momento più atteso, la “Sciuta” di San Giovanni Battista, caratterizzato dal lancio di ‘nzareddi dai piani alti della facciata e dall’incessante “bombardio” dei mortai. Un modo speciale per salutare le venerate reliquie e il taumaturgo simulacro del Battista che procederà tra i fedeli acclamanti e commossi. Quindi, l’avvio della processione con la partecipazione del clero, di tutte le confraternite, con i loro caratteristici stendardi, delle autorità civili e militari di Chiaramonte Gulfi e Rapagnano. Durante la processione è in programma la visita alle chiese di Santa Maria di Gesù, San Vito e San Filippo. Alle 22, in piazza Duomo, l’intrattenimento sinfonico a cura del corpo bandistico Scarlatti diretto dal maestro Sebastiano Gurrieri in collaborazione con il ristorante “A Funtana”. Alle 22,30, è in programma l’entrata trionfale del precursore in piazza Duomo con il predicatore mons. Pasquale Magnano che traccerà in breve la figura del santo. Il sindaco di Chiaramonte Gulfi, Vito Fornaro, rinnoverà l’affidamento della città al protettore San Giovanni Battista. Quindi, seguirà il gemellaggio tra la comunità di Chiaramonte e Rapagnano. Subito dopo si terrà la benedizione della città con le reliquie del protettore San Giovanni Battista. Alle 23 il gran galà pirotecnico eseguito dalla premiata ditta “Fuochi Chiarenza” di Belpasso. A seguire la solenne entrata di San Giovanni nella propria chiesa.

di Redazione22 Giu 2013 10:06