Assenza non la pensa allo stesso modo.

giorgio-assenzaSul ballottaggio a Ragusa interviene anche l’on Assenza che è stato fin dai primi momenti della campagna elettorale l’artefice di un tentativo di coalizione unita per il centrodestra. Aveva, da subito, fatto capire che ci sono ruoli e posizioni ed un accordo con la sinistra, prima di iniziare a combattere, non era etico. Ora bisogna scegliere e l’on del PDL, non ragusano, dice la sua con molta educazione.   Pubblichiamo la nota di Assenza.
“La prima cosa che vorrei veramente evitare, da politico ma principalmente da privato cittadino, è qualunque tipo di inciucio …innaturale possa malauguratamente sortire dalle urne. In particolare, questa volta mi riferisco alla tornata elettorale prossima ventura, cioè al ballottaggio per l’elezione del sindaco di Ragusa” lo dice il deputato regionale del Pdl Giorgio Assenza.
“Vorrei per quel che mi è consentito, non essendo io un abitante ed elettore del capoluogo ibleo, lasciar libertà di coscienza (che sia di voto come di astensione) ai ragusani. Mi sembra la giusta scelta etica – conclude Assenza – anche alla luce della vulgata che corre: tra l’antipolitica e la politica, bisogna scegliere la seconda. Potrei anche esser d’accordo, a patto che questa non sia una malapolitica”.

di Direttore13 Giu 2013 20:06