Pochi….. ma buoni?

sindaci a comisoUna, purtroppo, sparuta rappresentanza di amministratori locali ha partecipato questa mattina a Comiso, presso l’aeroporto, alla riunione indetta dal sindaco Alfano per chiedere collaborazione ed aiuto ai colleghi di questa parte della Sicilia orientale. Erano stati invitati oltre una sessantina di comuni ma, questa mattina, c’erano appena 15 tra sindaci e assessori. Presente, e questo è stato un passo avanti importante, anche l’on Gurrieri neo commissario della Camera di commercio di Ragusa. Alfano ha aperto l’incontro spiegandone, con molti dettagli, le finalità.  Entro qualche giorno dovremo dire ad alcune compagnie  aeree, in particolare l’Airone, che sembrano intenzionate ad venire a Comiso, quale aiuto si possa dare da parte del territorio. Così ha esordito Alfano e poi ha ricordato che per attivare dei collegamenti aerei occorre che si faccia della promozione per richiamare quanti più passeggeri possibili su questa tratta ipotetica che dovrebbe portare in Sicilia e a Comiso  in particolare. I  presenti, seppur non numerosi, hanno subito dichiarato la loro disponibilità, condizionata però ad una idea precisa di quello che si intende fare. Ad esempio il sindaco di Vittoria, Nicosia, ha detto  che la sua città ha già dato molto in termine di supporto logistico all’aeroporto ma ora, dovendo provvedere a nuovi interventi, questa volta materiali e cioè in denaro contante,  si chiede di sapere esattamente quale è il piano degli interventi. Insomma non basta dire che si farà della promozione si deve capire in che termini, a chi potranno essere destinati i fondi etc etc. Così anche gli altri amministratori che si sono posti il problema burocratico per una delibera di contributi a fondo perduto per un ente come l’aeroporto di Comiso.   L’on Gurrieri,  in quello che possiamo definire il suo primo intervento pubblico in veste di commissario della Cam Com, ha assicurato che la questione gli sta molto a cuore anche perchè l’ente Camerale è anche socio della SAC di Catania e possiede un  ottavo del capitale,  per essere precisi. Dunque Gurrieri farà certamente qualcosa compatibilmente ai tempi e, crediamo noi, anche alla atavica lentezza della Camera di Commercio di Ragusa. Gurrieri è stato anche l’unico a chiedere quali sono le disponibilità di cassa della Soaco e del Comune  stessi  che chiedono aiuto ma devono far sapere quale è la loro situazione economica. Alfano ha precisato che in cassa ci sono più di 10 milioni di euro ma tali fondi dovranno servire a coprire le preventivate perdite dei prossimi tre anni di gestione. Una teoria un po forte, come abbiamo detto altre volte, perchè si chiedono sacrifici ai comuni ma la società di gestione dell’aeroporto si preoccupa davanti all’ipotesi di impegnare  i suoi fondi di riserva. Ci preoccupa pure il fatto che  il socio di maggioranza, la Sac di Catania, non intervenga in nessuna di queste riunioni  senza  dire che è pronta  a supportate lo start up dell’aeroporto. Un aiuto è arrivato, invece,  dal Distretto Turistico che ha annunciato la pubblicazione dei bandi riservati al turismo da parte della regione con la possibilità di attingere a finanziamenti destinati alla promozione. Il presidente del Distretto ha proposto ad esempio  l’aumento della tassa di soggiorno in tutto l’area iblea in modo da poter contare su un’entrata certa e annuale per incentivare le compagnie in modo proporzionale agli arrivi. E’ un investimento che darà i suoi frutti a patto che a fare la loro parte siano prima di tutto Soaco e Sac.

di Direttore02 Apr 2013 14:04