Ragusani nel fondo. Quarta edizione

ragusaninelfondoMolto partecipata anche la IV edizione del premio Ragusani nel Fondo diventata ormai per molti un vero e proprio appuntamento fisso.

La manifestazione è stata aperta con un video sul MUOS di Niscemi a cui è seguito un intenso dibattito col pubblico, concorde sul fatto che tale sistema ultrasatellitare oltre a essere un chiaro sistema di controllo militare americano rappresenta una macchina mostruosa che causerà danni irreversibili per la nostra salute.

Il primo premiato della serata è stato consegnato a Pippo Di Pace, ultimo lavoratore rimasto all’interno delle ferrovie che in sostanza sono state totalmente soppresse, aggravando così la già problematica questione della viabilità nel nostro territorio.

Secondo premio è andato a Roberto La Terra, ex operaio della Metra, costretto al

pre-pensionamento perché a rischio amianto.

Terzo Premio è andato ai componenti dell’ex collettivo La Fabbrica che due anni fa hanno occupato l’ex Hotel San Giovanni nel tentativo di dare alla città uno spazio sociale dove poter fare liberamente politica, arte e cultura dal basso e in seguito, sgomberati dallo stabile che tutt’oggi rimane abbandonato a se stesso.

È stato inoltre proiettato “L’ora di Spampinato”, una produzione dal basso che racconta la tragica vicenda del giornalista ragusano, visto anche che quest’anno decorre il quarantennale dalla sua morte.

La serata è stata presentata da Mara Gelmini ed è stata realizzata con il contributo spontaneo di tutti quelli che hanno partecipato.

Si sono esibiti i gruppi musicali “Nicoletta Fiorina Trio” e “Stefano Meli”.

 

di Redazione09 Set 2012 16:09