Giacchi Cirnigliaro e i miracoli della campagna elettorale

imgresA riempire le pagine dei quotidiani di oggi, gli interventi sull’aeroporto di Comiso di Crocetta, Fava, Bianco, Di Giacomo e Mauro.

Mai visti tanti interventi prima d’ora, ma noi non abbiamo alcun dubbio nell’affermare che tutto ciò è solo frutto della campagna elettorale in corso e forse delle prossime ad venire.

Enormemente tutti contenti della possibilità che la UE debba chiederci indietro i 20 milioni di euro finanziati dalla stessa, per la costruzione dell’aeroscalo, ma nessuno denuncia l’immobilismo del Governo Nazionale che è l’unico responsabile della mancata apertura dello scalo a causa della mancata firma della Convenzione ENAV ente governativo.

Tutti i politici sopra menzionati, dimenticano di essere esponenti politici di primo piano di Partiti Nazionali che da quasi un anno, sono maggioranza del Governo Monti. Nel dettaglio, il Candidato Crocetta, Di Giacomo e Bianco sono tre importanti Esponenti del partito di Bersani, avrebbero potuto, già nei mesi scorsi, PRETENDERE dallo stesso, in qualità di rappresentante della seconda forza politica nazionale su cui si tiene il Governo Monti, la firma sulla Convenzione e consentire l’apertura dell’Aeroporto già per la stagione Estiva 2012 e invece sono ancora qui a parlare, promettere, rilasciare dichiarazioni intenzionali ma questo gioco è tutto sulla pelle dei cittadini della provincia di Ragusa.

Il Candidato Fava, nonostante sia un quotato Europarlamentare, crediamo neppure conosca la questione aeroporto di Comiso. Questa nostra convinzione proviene dall’analisi delle Sue dichiarazioni che pensa ancora che si debbano fare “tavoli e conferenze di servizio” ovviamente subito dopo le Elezioni e non certo prima, a conferma della strumentalizzazione della questione meramente a fini elettorali, ma cosa ancor più grave, cerca ancora conferenze di servizio ENAV ed ENAC che sono passaggi amministrativi abbondantemente espletati e superati, visto che manca solo la firma nella convenzione ENAV. Inoltre, Fava nonostante è siciliano, esprime con orgoglio apprezzamento sulla richiesta da parte dell’UE di restituzione dei 20 Milioni di euro, invece di pretendere dal Governo Monti l’immediata apertura dell’aeroporto di Comiso.

Complimenti al Siciliano FAVA, ma da Catanese probabilmente farà parte di quelli che hanno interessi a non far aprire il concorrente Aeroporto di Comiso!!!

A Mauro, già Senatore del Governo Berlusconi, il quale ancora oggi ricopre importanti ruoli al CIPE, vorremmo leggere oltre alla Sua soddisfazione per la richiesta di rimborso delle somme da parte dell’UE, quali sono stati i Suoi autorevoli interventi, anche al CIPE, per pretendere l’immediata apertura dell’Aeroporto di Comiso. Faccia un comunicato stampa con cui dimostri il grande lavoro da Egli svolto in favore delle Infrastrutture della Provincia in modo da consentire a noi tutti cittadini di valutarne l’operato.

I cittadini, RICORDIAMO BENE che l’AEROPORTO DI COMISO è stato, anche grazie a questi politici, più volte inaugurato. Ricordiamo l’Atterraggio dell’Aereo di Stato con l’allora Presidente del Consiglio Dalema e Di Giacomo e tutti i maggiorenti del PD in prima fila; poi ci sono state le bottiglie di spumante stappate in pompa magna dall’allora Ministro Matteoli con in prima fila il Sindaco Alfano e tutti i maggiorenti del PDL.

di Redazione05 Set 2012 08:09