Zone Franche Montane, on. Dipasquale (PD): “Governo regionale abbia scatto d’orgoglio e sblocchi iter”

>

“Da quando il Partito Democratico ha presentato all’ARS, nel dicembre 2017, il disegno di legge per la istituzione delle Zone Franche Montane, ho sostenuto e seguito costantemente tutto l’iter che, purtroppo, si è arenato per colpa della latitanza del presidente Musumeci e dell’assessore Armao nel corso di tutta la legislatura. La responsabilità enorme di questo Governo regionale è evidente per inefficienza e inerzia.
L’applicazione della legge voto, approvata dall’ARS, arrivata al Parlamento nazionale e tornata indietro a Palermo per delle modifiche che il Governo regionale deve apportare in sede di assestamento di bilancio, andrebbe incontro al quel 25% di territorio siciliano montano, le cosiddette Terre Alte di Sicilia (un quarto del totale), le cui popolazioni vivono un profondo disagio sociale ed economico a causa della cronica carenza di servizi. Da Roma attendono da ormai non so più quanto tempo una comunicazione da parte degli organi di governo della Regione Siciliana che accetti la formulazione suggerita dalla Ragioneria generale dello Stato secondo la quale la copertura degli oneri finanziari si deve fondare sulle risorse preordinate dell’accordo Stato-Regione, quindi dovrà essere su base regionale e non statale: bastano circa 20milioni di euro l’anno. Mi auguro che in questi ultimi mesi rimasti al Governo Musumeci ci sia uno scatto d’orgoglio capace di dare risposte a chi attende le Zone Franche Montane da quasi cinque anni. Personalmente, come ho sempre fatto negli ultimi quattro anni, anche insieme ai colleghi del Partito Democratico, continuerò a impegnarmi per far capire a questo Governo e alla sua maggioranza altrettanto sorda l’importanza di dare una risposta concreta alle Terre alte di Sicilia smettendola di prendere in giro i comuni siciliani montani”. Lo dichiara l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico e segretario alla Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana.

di Redazione09 Lug 2022 13:07