Il decreto delle “Feste”

>
Il dato dei ricoveri negli ospedali siciliani rispettoi vede un incremento complessivo di 9 unità. In terapia intensiva sono in cura 76 persone (3 in più rispetto a ieri). Il dato dei guariti è pari a 523 persone. 13 i decessi (3 il 24/12/21, 8 il 23/12/21, 1 il 22/12/21 e 1 il 03/12/21). I nuovi soggetti positivi rilevati sono 2446. I tamponi molecolari processati sono stati 13765. I tamponi rapidi sono stati 34586. Questo il report dei nuovi positivi nelle province:
174 #Agrigento, 61 #Caltanissetta, 702 #Catania, 123 #Enna, 388 #Messina, 489 #Palermo, 120 #Ragusa, 202 #Siracusa, 187 #Trapani. C’è anche da dire che proprio sotto le feste c’è stato un aumento dei tamponi dovuti alla voglia di stare insieme e quindi di garantire agli amici e parenti di non trovarsi invitati positivi. Infatti i numeri sono in crescita.

Con la curva di casi Covid che si impenna sull’onda di Omicron il governo firma un nuovo decreto per l’attesa stretta. Il Consiglio dei ministri, dopo una lunga cabina di regia, ha varato un pacchetto di nuove regole – ribattezzato Decreto festività – per arginare il contagio durante le feste di Natale: tra le restrizioni c’è l’obbligo di mascherine all’aperto ovunque, anche in zona bianca, mentre sui mezzi di trasporto, al cinema e negli stadi diventano obbligatorie le Ffp2. La durata del green pass è ridotta da 9 a sei mesi dopo la vaccinazione, sono bandite le feste.  Il ministro Speranza ha annunciato la chiusura di discoteche e sale da ballo fino al 31 gennaio . Slitta anche l’obbligo vaccinale nella pubblica amministrazione. Ecco i provvedimenti previsti e da quando scattano.  Come già anticipato la durata del Green pass si riduce. A partire dal primo febbraio la validità si riduce da nove a sei mesi. Il ministero della Salute con un’ordinanza ha disposto che il periodo minimo per la somministrazione della terza dose si riduce da cinque a quattro mesi. Torna l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto in zona bianca. Inoltre, sarà obbligatorio portare le Ffp2 al cinema, nei teatri, agli eventi sportivi (stadi e palasport) e mezzi di trasporto (anche metro e bus). Fino alla conclusione dello stato di emergenza, previsto al 31 marzo, potranno prendere il caffè o mangiare al bancone solo i vaccinati e i guariti: il decreto prevede infatti l’obbligo del Super Green pass (che possono avere solo vaccinati e guariti) anche per i servizi di “ristorazione al banco”. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato anche l’anticipo della terza dose da 5 a 4 mesi. La data di avvio di questa nuova modalità di somministrazione sarà indicata a giorni dal Commissario Figliuolo, sentite le Regioni.  Le residenze per anziani hanno pagato un alto prezzo per la pandemia. L’accesso nelle Rsa sarà consentito solo a chi avrà completato il ciclo vaccinale anche con il richiamo. Nel caso di persone che non hanno completato il ciclo vaccinale, sarà indispensabile avere anche un tampone negativo.  Nessun prolungamento delle vacanze natalizie delle scuole e niente dad automatica. Per consentire il tracciamento dei focolai in campo con uomini e laboratori della Difesa. Stanziati fondi aggiuntivi per 9 milioni di euro. Scartato l’accesso ai soli tamponati, il governo ha deciso che fino al 31 gennaio 2022 saranno vietati gli eventi, le feste e i concerti che implichino assembramenti all’aperto. Fino a fine gennaio saranno poi chiuse le sale da ballo, discoteche e locali assimilati dove si svolgono eventi, concerti o feste. Scatterà dal 10 gennaio l’obbligo del green pass rafforzato per accedere a musei e luoghi di cultura, palestre, piscine e sport di squadra, centri benessere, terme, parchi tematici e di divertimento, centri culturali, ricreativi e sociali, sale gioco bingo, scommesse, casino.

 

di Direttore26 Dic 2021 12:12