Neanche le briciole del Pnrr

>

Mipaaf   ha preso in considerazione solo 31 dei 63 progetti presentati dalla Sicilia  attraverso il decreto di approvazione degli elenchi dei progetti ammissibili e non ammissibili a finanziamento con fondi afferenti al PNRR per investimenti nella resilienza dell’agrosistema irriguo. In pratica metà dei nostri progetti non erano all’altezza. L’assessore Scilla  se la prende con il governo nazionale accusando il ministro Patuanelli di avercela con noi. Roma è ostile nei confronti della Sicilia, dice l’assessore che insiste: Con quale criterio e come si è proceduto alla selezione? È chiaro che qualcosa non quadra. Il Ministro Patuanelli scade in valutazioni sommarie a tutto svantaggio della Sicilia, e non è la prima volta che lo fa. Ricordiamo – uno dei tanti esempi che potrei citare – il tentativo di scippare fondi del PSR. Un atteggiamento ostile, che registriamo per l’ennesima volta, e che ci porterà ad effettuare le dovute verifiche e valutazioni. Ora è possibile che magari qualcuno non abbia simpatia per questa regione ma addirittura bocciare metà dei progetti mi sembra davvero troppo. Piuttosto noi saremmo più propensi a credere che come al solito c’è parecchia improvvisazione negli organismi siciliani che si occupano di progettazione europea. Non siamo bravi e lo si capisce dai miliardi che abbiamo perso con le tante misure che dovevano far cambiare la Sicilia agricola da così a così. E alla fine l’isola è sempre fra le più arretrate in tutto. la opposizione gongolano  facendo riferimento al l primo flop della Regione siciliana sui finanziamenti del Pnrr . In questo ambito, strategico per l’economia dell’Isola, c’erano complessivamente 1,6 miliardi di euro a disposizione. Il ministero ha reso noto il decreto con l’elenco delle infrastrutture irrigue ammissibili: sono 149 in tutta Italia, nessuna dalla Sicilia. Bocciati sonoramente i 31 progetti dell’Isola. Antony Barbagallo segretario regionale del PD dichiara che questo è un altro grande traguardo da ascrivere all’inadeguatezza del governo guidato da Nello Musumeci”.  Al di la degli scontri tra partiti il pensare che 31 progetti siciliani sulla questione irrigua neanche uno possa essere finanziato fa certamente pensare ad una  incapacità progettuale piuttosto che all’antipatia del Nord vero il Sud e di questo il presidente deve renderne conto. Non può accusare l’apparato di mala burocrazia piuttosto deve accertarsi se ci sono incompetenti strapagati a Palermo.

di Direttore04 Ott 2021 00:10