Modica ed il maltempo: Cu si vardau…..

>

Le previsioni fanno vedere che ci sarà mal tempo, abbastanza forte, nella prossima settimana. Si sta avvicinando infatti all’Italia un vero e proprio ciclone mediterraneo che, a partire da domenica, provocherà una forte ondata di maltempo con il rischio di piogge intense, nubifragi e anche di alluvioni su alcuni angoli del Sud. Si tratta di una situazione potenzialmente pericolosa! Vediamo più nel dettaglio cosa ci attende per l’ormai imminente weekend. Partiamo dalla giornata di sabato, quando saranno le regioni del Centro a dover ancora fare i conti con la perturbazione sopraggiunta sul nostro Paese tra mercoledì e giovedì: sotto osservazione, in particolare, saranno Marche, Umbria e Molise, tuttavia qualche precipitazione potrebbe interessare pure la Romagna e il comparto appenninico tosco-emiliano. Il tempo sarà invece più asciutto altrove, specialmente sul resto del Nord, mentre tra il pomeriggio e la serata tra le due Isole Maggiori si approfondirà un ciclone mediterraneo che comincerà a disturbare il tempo soprattutto sulla Sardegna meridionale e sui settori più occidentali della Sicilia.  A Modica, sapendo, dal passato anche recente,  che la città è particolarmente vulnerabile si prendono le giuste precauzioni e con largo anticipo appunto seguendo il detto citato nel titolo. E così si è riunito il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile coordinato dal Sindaco di Modica, Ignazio Abbate. La riunione è stata organizzata visto l’approssimarsi della stagione
invernale e considerate le previsioni meteo per la prossima settimana che annunciano una forte ondata di maltempo. L’incontro è servito a rodare i meccanismi già collaudati da anni e a fare un check up completo di uomini, attrezzature e mezzi a disposizione dell’intera macchina dei soccorsi. La cittadinanza è invitata, qualora non l’avesse già fatto, a registrarsi sull’app Alert System (https://registrazione.alertsystem.it/modica) per essere sempre aggiornata in tempo reale su eventuali situazioni critiche e sui comportamenti da tenere. A questo riguardo è raccomandato ripassare le avvertenze contenute nel vademecum on line
(http://www.protezionecivilemodica.eu/) con le tavole del piano di Protezione Civile, le
mappe di Modica e i percorsi verso le aree di raccolta. Uno strumento utile a fronteggiare
eventuali calamità. “Vedendo le immagini che arrivano da Siracusa sferzata da una fortissima
e anomala ondata di piogge torrenziali, ci accorgiamo ancora di più di quanto sia
indispensabile essere dotati di una collaudata macchina dei soccorsi. In questi anni abbiamo
dovuto affrontare ogni tipo di intemperie, dalla neve alla grandine, dalla pioggia al terremoto.
In ogni occasione i nostri uomini, grazie al loro spirito di sacrificio, si sono comportati
egregiamente prestando soccorso in condizioni spesso al limite. La riunione di oggi è servita a
farci trovare pronti all’occorrenza perchè le conseguenze di farsi trovare impreparati possono
essere catastrofiche. Nelle settimane scorse abbiamo effettuato una operazione di pulizia degli
alvei dei torrenti e canali per evitare che le piogge li possano intasare di detriti. Invito tutti i
modicani a registrarsi su alert system e a consultare il vademecum consapevoli che ci sono già
tante persone che stanno lavorando per tenerli al sicuro da qualsiasi pericolo”.

di Redazione22 Ott 2021 23:10