Il PD verso il ballottaggio con Aiello.

>
A pochi giorni dal voto riportiamo un post di Aiello sulla sua pagina facebook rivolto ai giovani di Vittoria:  Oggi è il 18 ottobre, tra 6 giorni si torna alle urne per decidere chi dovrà governare questa città che da anni è in stato di assoluto abbandono.  Il confronto è tra un vecchio: Aiello, che rappresenta l’esperienza e la voglia di riscatto, affiancato da un gruppo progressista e un giovane: Sallemi, che rappresenta partiti che accolgono nelle loro sedi comunali, personaggi che, spacciandosi per giornalisti, plaudono allo stupro e allo stupratore e scherniscono e deridono la stuprata. Inneggiano alla violenza e all’arroganza e seminano odio. Vi chiedo una mano perché il “vecchio” possa avere la possibilità di formare una nuova classe dirigente.
Rivolgetevi ai nostri giovani, venite con noi e lavoriamo insieme per la rinascita di Vittoria.
C’è anche una nota dell’on Dipasquale  parlamentare regionale del Partito Democratico che sostiene la candidatura di Aiello a sindaco del comune ipparino.“Nel pieno rispetto delle regole  siamo tornati in campo per il ballottaggio, consapevoli che i vittoriesi avevano già scelto al primo turno, la città  si è svegliata e sta reagendo rispetto agli eventi che tristemente, con complici diversi, hanno segnato in negativo la vita politica di Vittoria. Domenica e lunedì sarà fondamentale confermare la scelta del primo turno e coinvolgere il più possibile chi si è astenuto: si tratta per la maggioranza dei casi di persone deluse dalla politica, ma che finalmente hanno la possibilità di esprimere l’unica scelta possibile, perché “Aiello il sindaco lo sa fare”, con l’energia che l’ha sempre contraddistinto. Aiello sarà un primo cittadino capace di occuparsi della città dall’alba al tramonto, dedicandosi con impegno e dedizione a tutti i cittadini. Sono sicuro – aggiunge – che i vittoriesi non cadranno nel tranello di chi è candidato contro Aiello soltanto per rianimare l’azione politica di Musumeci, Meloni e Salvini ormai in declino, e non certo per amore della città di Vittoria e per risollevarne le sorti”.

 

di Redazione18 Ott 2021 23:10