Crescono i servizi Flix Bus in provincia.

>

A poche settimane dal primo potenziamento delle tratte con l’isola, FlixBus torna ad ampliare i collegamenti con la Sicilia, per offrire a chi parte dalla regione un servizio di mobilità ancora più capillare e supportare, al tempo stesso, la ripresa delle attività turistiche sul territorio, offrendosi come soluzione preferenziale per i visitatori in arrivo dall’Italia continentale.
Il rafforzamento della rete degli autobus verdi coinvolge sia le grandi città siciliane, che potranno giovare di nuovi collegamenti con molte destinazioni del centro e Nord Italia e nuove connessioni con le altre aree del Mezzogiorno, sia le piccole località costiere e dell’entroterra, che potranno beneficiare per l’intero periodo estivo di un incremento dei flussi turistici dalle altre regioni.
Secondo un’indagine Istat, infatti, questa estate più di 9 Italiani su 10 trascorreranno le vacanze in Italia, e 6 su 10 si sposteranno fuori regione. Coerentemente con questa tendenza, e in linea con l’attrattività turistica della Sicilia, FlixBus punta ora a rendere ancora più accessibile il suo territorio, con l’obiettivo di valorizzarne l’immenso patrimonio paesaggistico e storico-culturale.
Catania collegata con più di 50 città. Operative connessioni anche con Acireale.
Ragusa e Modica saranno collegate con tre nodi strategici della rete in Calabria e Campania
Per quanto riguarda il Ragusano, sono attivi da oggi collegamenti diretti fra Ragusa e Modica e Villa San Giovanni, Salerno e Napoli. Mentre Villa San Giovanni si offre come hub di interscambio preferenziale per molte delle principali rotte FlixBus che collegano il Sud con il centro e il Nord Italia, con la possibilità di veicolare i flussi di visitatori in arrivo da città come Roma, Milano e Torino, Salerno e Napoli si configurano come possibili nodi di interconnessione anche per i turisti in arrivo dalla Francia grazie alle tratte operative con Lione.
Continua a crescere il numero delle tratte con Catania, che si conferma uno dei maggiori hub della rete FlixBus nel Sud Italia. Ai 50 centri già collegati con la Città dell’Elefante, tra cui Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Bari, Pescara e Ancona, si aggiungono ora Venezia, Padova e Ferrara, con la possibilità, per il territorio, di beneficiare di nuovi arrivi anche dal Nordest.
Ma Catania si offre anche come meta ideale in un’ottica di turismo di prossimità, grazie alle tratte attive con molte delle principali città calabresi, come Cosenza, Rende e Lamezia Terme.
Gli autobus verdi di FlixBus fermano inoltre ad Acireale, che l’operatore collega direttamente con la Calabria e diverse località della costa adriatica, in linea con la volontà di investire sui medi e piccoli centri del Paese per valorizzare il patrimonio artistico e culturale nazionale nell’ottica di un generale rilancio del turismo.
La volontà, da parte di FlixBus, di agevolare i flussi turistici lungo itinerari meno battuti rispetto a quelli solitamente presidiati dal turismo di massa si concretizza anche nel potenziamento delle tratte attive con Caltanissetta ed Enna per indirizzare nuovi visitatori alla scoperta dell’entroterra siciliano. Ai centri già collegati, tra cui Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna e Firenze, vanno ad aggiungersi ora Ferrara, Padova e Venezia, che si offriranno ovviamente, viceversa, anche come possibili destinazioni turistiche ai passeggeri in partenza dalle due città.

di Redazione02 Lug 2021 14:07