Giovanni Iacono sulla questione discarica

>

L’on Dipasquale proprio a Teleiblea ha lanciato pesanti accuse contro l’assessore comunale Giovanni Iacono colpevole secondo il rappresentante del PD di essere stato, nella sua veste consigliere ed esponente politico, alcuni anni fa, tra coloro che si sono battuti per impedire la progettazione e la realizzazione della ormai famosa  4° vasca per i rifiuti a Cava dei Modicani.
Giunge in redazione una nota proprio di Giovanni Iacono che intende rigettare al mittente ogni accusa
la pubblichiamo integralmente:

Ho ascoltato e letto le dichiarazioni del deputato regionale Nello Di Pasquale che, con soli fini subdoli e diffamatori sta diffondendo il mio volto, cerchiato, attribuendomi la responsabilità dell’emergenza rifiuti e dei disagi vissuti dai cittadini in questi giorni.
Stupito da un simile attacco, proveniente da chi, per la funzione ricoperta, dovrebbe conoscere la
normativa in materia, sento il dovere di rappresentare ai cittadini che la competenza e la responsabilità sul ciclo dei rifiuti è in primo luogo della REGIONE, poi delle Province, poi delle società d’ambito che nel corso di questi decenni la Regione ha creato: ATO, ARO, SRR composte dai SINDACI.
Io non sono MAI stato Presidente della Regione, non sono MAI stato Assessore regionale ai rifiuti, non sono MAI stato deputato regionale, non sono MAI stato Presidente della Provincia, non ho MAI fatto parte di società d’Ambito dei rifiuti, non sono MAI stato Sindaco, non sono MAI stato Assessore con delega ai rifiuti.
Non sono mai stato Commissario sui rifiuti! Non ho MAI avuto poteri amministrativi decisionali nel campo dei rifiuti !
Ebbene sebbene sia surreale, il sig. Nello Di Pasquale ha indicato me quale responsabile dei disagi subìti da tutti in questi giorni, ripescando una proposta del nostro gruppo al Consiglio comunale di Ragusa, che nel 2014, durante la discussione sul piano triennale delle opere pubbliche, ha proposto giustamente di eliminare la previsione di una nuova discarica (c.d. quarta vasca) in territorio di Ragusa a cava dei Modicani.
Eravamo contrari e lo siamo tuttora per tante ragioni, perché bisognava puntare in maniera spinta sulla
raccolta differenziata, perché la discarica a cava dei Modicani non aveva alcun progetto definitivo né
esecutivo, non c’era alcuna fonte di finanziamento. Il sito scelto NON ERA e NON E’ IDONEO e come si
rilevò dalle indagini geologiche e dalla carta idrogeologica del Piano territoriale provinciale tutta l’area
ricade nella zona di spartiacque idrografico per tutte le cave naturalistiche ed è rappresentata da un
complesso idrogeologico ‘fratturato’ e ‘carsificato’. La zona dove il sig. Di Pasquale vorrebbe realizzare la
discarica rientra tra le aree sottoposte a tutela delle sorgenti ai sensi del DPR 236/88 e l’area è classificata come zona con grado di vulnerabilità ELEVATO.
E’ possibile che Nello Di pasquale non sappia queste cose, note a tutti? O finge di non saperle?
A ciò si aggiunga che il sito di cava dei Modicani è soggetto a vincolo paesaggistico, rientra nell’area del
Parco degli Iblei e le relazioni geologiche, anche recenti, hanno ribadito che il sito NON E’ IDONEO AD
ACCOGLIERE ALCUN TIPO DI DISCARICA né presente né futura.
Per tutti questi motivi, conosciuti a chi opera in politica con impegno, quella nostra proposta non fu votata solo dal sottoscritto, ma venne votata con larghissima maggioranza dal Consiglio Comunale, 19 consiglieri favorevoli su 23 di cui 2 astenuti. Dei due consiglieri del PD uno votò favorevole e l’altro si astenne. Tutto ciò senza considerare la condivisione di Sindaco ed assessori competenti!
Ebbene, a differenza del sottoscritto, il sig. Nello Di Pasquale è stato Sindaco di Ragusa, e allora mi chiedo: perché se riteneva così importante e risolutiva la nuova discarica a Ragusa non rimase Sindaco nel 2012 per poterla realizzare, invece di abbandonare la guida della Città, tradendo il voto dei cittadini, per andare a svolgere la funzione di deputato regionale?
Ricordiamo tutti che Nello Di Pasquale nonostante avesse promesso di restare Sindaco della città, nel 2012, abbandonò la guida della sua amata città, per ricoprire incarichi più prestigiosi e remunerativi. E allora mi chiedo ancora: perché invece di accusare un semplice consigliere comunale, Nello Di Pasquale nella sua funzione di deputato regionale non si è battuto in tutti questi anni per realizzare la nuova discarica se la  ritiene così importante? E’ inefficienza o forse anche lui sa che gli enti competenti hanno giudicato il sito della Cava dei Modicani non idoneo? Perché una discarica a Ragusa su sito non idoneo e non in altri comuni con siti idonei ? E poi, visto che le decisioni in materia di rifiuti sono attribuite dalla legge alla Regione, e all’epoca il Presidente della Regione era il sig. Crocetta, con cui il sig. Nello Di Pasquale era in perfetta armonia politica, perché insieme non hanno realizzato una nuova discarica a Ragusa, risolvendo il problema che oggi si attribuisce incredibilmente alla mia persona?
Di Pasquale ha riferito in tv che lui già nel 2013 aveva previsto le difficoltà in cui saremmo incorsi. Se cosi è,  perché nessuno dei consiglieri della sua area politica ha ritenuto, in questi lunghi 7 anni, di proporre la creazione di questa nuova discarica? Perché lui, da deputato regionale, non ha fatto nulla?
Anche la Sua inerzia è colpa mia? Le accuse mosse da Nello Di Pasquale sono semplicemente ridicole e volutamente offensive, il suo operato politico discutibile; la verità, per fortuna, è sotto gli occhi di tutti.

di Direttore29 Mag 2021 18:05