Cosa si può fare a Pasqua e a Pasquetta

>

Con il decreto del 12 marzo il governo dispone il passaggio di tutte le regioni in zona rossa per il 3, il 4 e il 5 aprile. Tutte le Regioni, ad eccezione di quelle che si trovano in Zona Bianca, finiscono in zona Rossa in una sorta di lockdown soft a livello nazionale per evitare rimpatriate e scampagnate. “Nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021, sull’intero territorio nazionale, ad eccezione delle Regioni o Province autonome i cui territori si collocano in zona bianca, si applicheranno le misure stabilite per la zona rossa. In tali giorni, nelle zone interessate dalle restrizioni, gli spostamenti verso altre abitazioni private abitate saranno possibili solo una volta al giorno, tra le ore 5.00 e le 22.00, restando all’interno della stessa Regione“, recita il comunicato stampa pubblicato sul sito di Palazzo Chigi.

In zona rossa, come ormai noto, sono consentiti solo gli spostamenti necessari, quindi quelli per motivi di salute, necessità o lavoro. E come noto in tutta Italia è in vigore il divieto di spostamento tra le Regioni.

Stando a quanto  riferito nel comunicato stampa riportato sul sito di Palazzo Chigi, però, il 3, il 4 e il 5 aprile sarà possibile spostarsi per raggiungere un’abitazione privata. Ricordiamo che la deroga era stata sospesa per le Regioni in zona Rossa. Ora, per questi tre giorni, sarà nuovamente possibile spostarsi per raggiungere un’abitazione privata. La deroga cadrà nuovamente dal 6 aprile.

“In tali giorni, nelle zone interessate dalle restrizioni, gli spostamenti verso altre abitazioni private abitate saranno possibili solo una volta al giorno, tra le ore 5.00 e le 22.00, restando all’interno della stessa Regione”.

Come specificato nel comunicato stampa, gli spostamenti per raggiungere un’abitazione privata saranno consentiti entro i confini regionali e sarà possibile spostarsi solo dalle 5 del mattino alle 22 della sera.

Potranno spostarsi due adulti che potranno essere accompagnati da figli con meno di 14 anni e/o da persone non autosufficienti.

Si potrà quindi fare visita ad amici e parenti in base alle regole sopra indicate ma non sarà possibile organizzare la tradizionale gita fuori porta.

La Pasqua segue quindi la falsa riga del Natale. Il governo concede di trascorrere queste giornate in compagnia di amici o parenti (pochi) ma vieta spostamenti sul territorio e raduni nei parchi e nelle ville.È possibile raggiungere le seconde case in base alle regole vigenti. Diverse Regioni però hanno deciso di intervenire chiudendo i propri confini ai non residenti: Seconde case, in quali Regioni si può andare e in quali no Superata la metà del mese di marzo, hanno vietato l’ingresso nei propri confini la Sardegna, la Valle d’Aosta e Alto Adige. Stessa storia per la Provincia di Bolzano. Ma altre Regioni stanno prendendo in considerazione la via indicata.

La Campania rappresenta ad esempio un caso curioso. L’ordinanza del Presidente della Regione vieta ai residenti di raggiungere la seconda casa che si trova nel territorio regionale, mentre chi arriva da fuori può entrare senza particolari problemi. La sensazione è che le autorità abbiano provato a limitare al massimo gli spostamenti interni per evitare scampagnate e rimpatriate sui prati soprattutto in occasione della Pasquetta. Invece la Toscana ha disposto il divieto fino all’11 aprile di raggiungere la seconda casa nella regione se non si ha la residenza. L’ordinanza prevede quindi che è possibile entrare nella regione per raggiungere le seconde case solo per motivi di lavoro, necessità o salute. Per quanto riguarda i residenti in Toscana, il raggiungimento della seconda casa è consentito solo per attività di manutenzione. Difficilmente invece la Sicilia cambierà le regole. La Regione chiede all’arrivo un test negativo (tampone molecolare) che deve essere stato effettuato entro le 48 ore prima dell’arrivo. In alternativa è possibile proceder con il test rapido presso i centri allestiti nei porti e negli aeroporti. Anche le Marche si uniscono alle Regioni che chiudono i confini ai non residenti. Per ordinanza del presidente Francesco Acquaroli, sono vietati gli spostamenti verso la seconda casa per le persone non residenti o non domiciliati nelle Marche. La nuova ordinanza entra in vigore nella giornata del 29 marzo e scade alle ore 24.00 del 5 aprile. L’ultima in ordine di tempo ad unirsi alle Regioni che chiudono i propri confini in vista della Pasqua è la Liguria. L’ordinanza del Presidente della Regione Toti vieta di raggiungere le seconde case e le barche. Il divieto interessa sia i residenti che le persone che arrivano da fuori Regione. Il 1 aprile anche il Piemonte ha deciso di procedere con una stretta legata alle seconde case. Fino alla giornata del 5 aprile infatti è vietato l’ingresso nella Regione alle persone non residenti. Autocertificazione alla mano, sarà possibile andare in Chiesa per le celebrazioni liturgiche. Ovviamente all’interno della chiesa dovranno essere rispettate le regole anti-contagio, quindi si dovrà indossare la mascherina e si dovrà osservare il distanziamento. Inoltre gli ingressi in zona Rossa, e quindi anche durante il lockdown di Pasqua, è possibile fare attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva individuale all’aperto. A Pasqua sarà possibile fare un viaggio all’estero: quali sono le regole da conoscere e in quali Paesi si potrà andare per qualche giorno di vacanzaIncredibile ma vero, a Pasqua sarà possibile partire per un viaggio all’estero mentre non sarà possibile lasciare la propria regione di residenza per uno, due o tre giorni di vacanza. Siamo di fronte a quello che sembra un paradosso, ma tant’è. Il via libera è arrivato dopo che il Viminale ha confermato che durante i giorni di Pasqua, quando l’Italia sarà zona Rossa, è possibile raggiungere l’aeroporto. E allora andiamo a vedere quelle che sono le regole per chi ha deciso o deciderà di concedersi un viaggio all’estero in occasione delle vacanze di Pasqua. Pasqua, si può fare un viaggio all’estero: in quali paesi si può andare Non solo per Pasqua sarà possibile fare un viaggio all’estero, ma chi decide di partire ha a disposizione anche una vasta scelta di Paesi dove andare per trascorrere qualche giorno di relax. Di seguito la lista dei Paesi che possono essere raggiunti per turismo: ,  Belgio,Bulgaria,Cipro.Croazia,Danimarca,Estonia,Finlandia,Francia,Germania,Grecia,Irlanda,Lettonia,Lituania,Lussemburgo,Malta,Paesi Bassi, Polonia, Portogallo Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia Liechtenstein Svizzera Andorra Principato di Monaco. Attenzione. Prima di organizzare il viaggio è bene consultare il sito della Farnesina per conoscere quelle che sono le regole locali. Quasi tutti i Paesi della lista chiedono almeno un tampone negativo. Tutte le regole dettagliate sui viaggi all’estero sono disponibili al seguente indirizzo: http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio La grande novità è rappresentata dal fatto che a Pasqua sarà possibile andare all’estero: le regole per i viaggi. In zona rossa i negozi sono chiusi ad eccezione di quelli considerati essenziali. Sono chiusi anche i bar e ristoranti, quindi non sarà possibile pranzare fuori. Sarà possibile usufruire solo del servizio di consegna a domicilio e dell’asporto.

di Direttore02 Apr 2021 12:04